Concorso Dirigenti Amministrativi MIUR – La guida

Scopri come partecipare e in che modo iniziare a studiare

Concorso Dirigenti Amministrativi MIUR

Il MIUR oltre a bandire il Concorso per 353 funzionari amministrativi ha pubblicato anche il bando del Concorso Dirigenti Amministrativi MIUR.

Per restare aggiornato sugli sviluppi del Concorso Dirigente amministrativo di seconda fascia MIUR e sulle nostre relative iniziative didattiche manifesta il tuo interesse al nostro Bot di Messenger cliccando qui.

Per conoscere gli altri canditi iscriviti subito al relativo gruppo di studio.

Se stai già partecipando al concorso allora sappi che nel presente articolo parliamo anche di Come iniziare a studiare per la prova preselettiva.

Concorso Dirigenti Amministrativi MIUR – Come partecipare e in che modo iniziare a studiare

Quanti sono i posti messi a concorso?

I posti messi a concorso sono 5.

Il trenta per cento dei posti a concorso è riservato al personale di ruolo del MIUR.

Chi può partecipare al concorso?

Possono partecipare al Concorso Dirigenti amministrativi MIUR le seguenti categorie di soggetti: 

  • i dipendenti di ruolo delle pubbliche amministrazioni, in possesso di Laurea Specialistica (LS), oppure Laurea Magistrale (LM), oppure Diploma di Laurea (DL) del vecchio ordinamento, come descritti al punto c), che abbiano compiuto almeno cinque anni di servizio o, se in possesso del dottorato di ricerca o del diploma di specializzazione conseguito presso le scuole di specializzazione individuate con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, di concerto con il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, almeno tre anni di servizio, svolti in posizioni funzionali per l’accesso alle quali è richiesto il possesso del dottorato di ricerca o del diploma di laurea. Il periodo di servizio richiesto è, altresì, ridotto a quattro anni per i dipendenti delle amministrazioni 8 statali che siano stati reclutati a seguito di corso-concorso per ricoprire posizioni funzionali per l’accesso alle quali è richiesto il possesso del diploma di laurea;
  • coloro che sono in possesso della qualifica di dirigente in enti e strutture pubbliche non comprese nel campo di applicazione dell’art. 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, muniti di diploma di laurea, che abbiano svolto per almeno due anni le funzioni dirigenziali;
  • coloro che hanno ricoperto incarichi dirigenziali o equiparati in amministrazioni pubbliche per un periodo non inferiore a cinque anni, purché muniti del diploma di laurea;
  • coloro che abbiano maturato, con servizio continuativo per almeno quattro anni presso enti od organismi internazionali, esperienze lavorative in posizioni funzionali apicali per l’accesso alle quali è richiesto il possesso del diploma di laurea.

Non è previsto un limite di età.

Quali sono le prove d’esame?

Gli esami consistono in due prove scritte ed un colloquio interdisciplinare e sono diretti ad accertare il possesso di una adeguata cultura giuridico-amministrativa, dell’attitudine a svolgere incarichi dirigenziali, unitamente alla conoscenza della lingua inglese e dell’uso delle apparecchiature delle applicazioni informatiche più diffuse.

La prima prova scritta, consiste nella redazione di un tema vertente su una o più delle seguenti materie: diritto costituzionale; diritto dell’Unione europea; diritto amministrativo; diritto civile, con particolare riferimento alle obbligazioni e ai contratti; contabilità pubblica; diritto del lavoro, con particolare riferimento al pubblico impiego; legislazione scolastica, con particolare riferimento alle più recenti evoluzioni normative.

La seconda prova scritta, consiste nella risoluzione scritta di un caso pratico in ambito giuridico-amministrativo o gestionale amministrativo su questioni riguardanti l’attività istituzionale del MIUR.

Il colloquio orale verte, in aggiunta alle materie di cui alle prove scritte, sulle seguenti materie: diritto penale, con particolare riferimento ai delitti contro la P.A.; elementi di diritto processuale civile e del lavoro; scienza dell’amministrazione; organizzazione, centrale e periferica, del MIUR.

Nell’ambito della prova orale è prevista la valutazione della conoscenza della lingua inglese mediante esercizi di lettura, traduzione e conversazione; viene inoltre, accertata la conoscenza, da parte del candidato, dell’utilizzo dei sistemi applicativi informatici di più comune impiego.

Nel caso in cui il numero dei candidati fosse molto alto, si svolgerà una prova preselettiva, basata su cento quesiti a risposta multipla, vertenti sulle discipline previste per le prove scritte, da risolvere nel tempo massimo di novanta minuti. Qualora per la prova preselettiva sarà pubblicata una banca dati la stessa sarà prontamente resa fruibile sul Simulatore Quiz di Concorsando.it.

Come posso iniziare a studiare per la prova preselettiva del Concorso Dirigenti Amministrativi MIUR?

Per iniziare a studiare per la prova preselettiva scarica il:

Inoltre accedi al Simulatore Quiz di Concorsando.it e aggiungi alla tua area di studio i percorsi formativi relativi alle materie previste per la prova preselettiva.

Come posso inoltrare la domanda di partecipazione?

Prima di inoltra la domanda scarica il bando del concorso dalla pagina del sito del MIUR dedicata al Concorso 5 Dirigenti amministrativi.

La presentazione della domanda di partecipazione al concorso può avvenire unicamente utilizzando l’applicazione predisposta dal MIUR, mediante registrazione all’applicazione stessa o utilizzo di credenziali SPID.

La domanda di partecipazione deve essere inviata entro le ore 12.00 del 27 aprile 2018.

Per la partecipazione al concorso è dovuto un contributo per la copertura delle spese della procedura: l’importo è fissato in 15,00 euro da versare con le modalità indicate nel bando.

3 Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.