Nozioni iniziali

Nozioni iniziali
Nozioni iniziali
Wikis > Geometria piana > Nozioni iniziali

Studia le “nozioni iniziali” di Geometria piana ed esercitati sui quiz

Tra gli argomenti di geometria piana maggiormente richiesti nell’ambito dei concorsi pubblici, vi sono alcune “Nozioni iniziali“.

Interrogando il nostro database (2.000.000 di quiz), abbiamo sintetizzato in questo wiki le nozioni che di regola sono oggetto di domanda nell’ambito delle prove concorsuali.

Terminata la lettura potrai esercitarti con il Simulatore Quiz di Concorsando.it aggiungendo alla tua area di studio il percorso formativo “Geometria – Nozioni iniziali”.

Ti ricordiamo che quello che stai leggendo è un wiki del nostro “glossario” che, in quanto tale, è soggetto a periodici aggiornamenti. Se vuoi seguirne gli sviluppi inserisci il tuo indirizzo email nel riquadro in fondo all’articolo e clicca sul tasto [Notify me of changes]: riceverai un’email ogni qualvolta il wiki verrà aggiornato.

Per qualsiasi tipo di delucidazione in merito a questo wiki ed ai nostri servizi mandaci un messaggio tramite Messenger cliccando qui. Di solito rispondiamo entro qualche ora!

#1. La geometria euclidea come sistema di postulati e teoremi

La geometria piana (o euclidea) si occupa delle proprietà (forma, posizione, estensione) delle superfici e delle figure piane.

La geometria euclidea definisce come concetti primitivi il punto, la retta e il piano, e assume la veridicità di alcuni assiomi (o postulati), gli Assiomi di Euclide. 

Con il termine postulato si intende in particolare in filosofia una proposizione che è ammessa o che si chiede di ammettere come vera senza dimostrarla, al fine di rendere possibile una dimostrazioneDa questi assiomi vengono quindi ricavati dei teoremi anche complessi, come il Teorema di Pitagora. 

Un teorema è dunque una proposizione che viene provata, mediante un ragionamento, deducendola da altre proposizioni, ammesse come vere o già dimostrate.

#2. Le figure geometriche, il luogo geometrico ed i concetti di perimetro e di area

Elementarmente, si chiama figura un qualsiasi insieme, non vuoto, di punti.

La parte di piano occupata dalla figura prende il nome di superficie.

Una figura si dice convessa se, considerati due suoi qualsiasi punti, il segmento che li unisce è contenuto nella figura.

Si dice concava se esistono almeno due punti per i quali il segmento che li unisce non è interamente contenuto nella figura.

Figure convesse e concave
La figura F è convessa, per qualsiasi coppia di punti interni a F il segmento che li unisce è interamente nella figura; la figura G è concava perché unendo i punti P e Q si ha un segmento che cade in parte esternamente alla figura

In geometria il luogo geometrico, o, più semplicemente, un luogo, è l’insieme dei punti del piano o dello spazio euclideo che hanno in comune una determinata proprietà. Esempi di luoghi geometrici sono:

  • la circonferenza è il luogo dei punti la cui distanza da un punto dato è costante;
  • l’asse di un segmento: luogo dei punti equidistanti dagli estremi del segmento;
  • la bisettrice di un angolo: luogo dei punti equidistanti dai lati dell’angolo.

Ogni figura geometrica piana presenta:

  • un perimetro: rappresenta la misura della lunghezza del contorno della figura;
  • ed un’area: rappresenta la misura dell’estensione della superficie che occupa la figura sul piano.

#3. Unità di misure per le lunghezze

Nel sistema internazionale unità di misura1 delle lunghezze è il metro che ha i seguenti multipli e sottomultipli:

  • chilometro = kilometro = km = 103 m = 1000 m
  • ettometro = hm = 102 m = 100 m
  • decametro = dam = 101 m = 10 m
  • metro = m
  • decimetro = dm = 10−1 m = 0,1 m = 1/10 m
  • centimetro = cm = 10−2 m = 0,01 m = 1/100 m
  • millimetro = mm = 10−3 m = 0,001 m = 1/1000 m

Per trasformare una misura di lunghezza da un’unità ad un’altra sua multipla o sottomultipla, si deve rispettivamente dividere o moltiplicare per 10, 100, 1000, e cosi via.

#4. Unità di misura per le superfici

Nel sistema internazionale unità di misura delle superfici è il metro quadrato. Per trasformare una misura di superficie da un’unità ad un’altra sua multipla o sottomultipla, si deve rispettivamente dividere o moltiplicare per 100, 10000, 1000000, e cosi via.

Ci sono poi altre unità di misura delle superfici:

  • ara: 1 ara = 100 m2;
  • ettaro: 1 ettaro = 10.000 m² = 10 are

#5. Gli enti fondamentali

Gli enti fondamentali della geometria piana sono:

  • il punto;
  • la retta;
  • il piano.

Esiste una simbologia convenzionale condivisa dagli studiosi per indicare questi enti:

  • per indicare un punto usiamo una lettera maiuscola: A, B, C, …;
  • per indicare una retta usiamo una lettera minuscola:, a, b, c, …;
  • per indicare un piano usiamo una lettera greca2: α , β ,γ , …
Enti fondamentali
Rappresentazione grafica degli enti fondamentali della geometria

#5.1. Il punto

Il punto è un ente geometrico privo di dimensione: cioè non ha lunghezza, né altezza, né profondità.

Esso possiede una posizione nello spazio.

La distanza fra due punti è il segmento che li unisce.

Due o più punti si dicono allineati quando appartengono alla stessa retta.

Punti allineati
Punti allineati

#5.2. Il piano

Per piano intendiamo una superficie piana che si estende indefinitamente in tutti i sensi. A riguardo occorre evidenziare che:

  • esistono quanti piani si vogliano;
  • per un punto passano infiniti piani;
  • per due punti passa un numero infinito di piani;
  • tre punti allineati sono intersecati da infiniti piani;
  • un piano è individuato da una retta e un punto non appartenente ad essa;
  • un piano è individuato da due rette incidenti.
  • per tre punti non allineati passa un piano e uno solo. In altri termini tre punti non allineati sono intersecati da un solo piano;
Punti non allineati sul piano
Tre punti non allineati sono intersecati da un solo piano
  •  se due punti di una retta giacciono su un piano, allora anche tutti gli altri punti della retta giacciono su questo piano.
Retta sul piano
Se i punti A e B giacciono sul piano π , tutti i punti della retta r, che contiene i punti A e B, giacciono sul piano π
#5.2.1. Relazioni tra piani
#5.2.1.1. Piani paralleli

Due piani α e β sono tra loro paralleli, quando su uno di tali piani, ad esempio α giacciono due rette a b paralleli a due rette c d dell’altro piano β.

Piani paralleli
Piani paralleli
#5.2.1.2. Piani incidenti o seganti

Due piani si dicono incidenti o seganti, se hanno in comune una retta.

Piani incidenti
Piani incidenti o secanti
#5.2.1.3. Piani perpendicolari

Due piani si dicono perpendicolari, se incontrandosi secondo una retta, forma angoli diedri retti.

Si definisce diedro ciascuna delle due parti in cui lo spazio resta diviso da due semipiani aventi la stessa origine.

Piani perpendicolari
Piani perpendicolari

Nello spazio per un punto esterno a un piano è possibile condurre infiniti piani perpendicolari al piano.

Due piani entrambi perpendicolari ad uno stesso piano, sono tra loro paralleli.

L’intersezione di tre piani nello spazio non può mai essere uguale a due punti.

#6. Similitudine, equivalenza, congruenza (o uguaglianza) e isoperimetria

#6.1. Similitudine

Due figure piane sono simili quando hanno la stessa forma.

Affinché due figure siano simili, è necessario, che i loro angoli interni abbiano la stessa ampiezza.

Pertanto saranno sempre figure simili:

  • poligoni regolari con lo stesso numero di lati (es. un esagono regolare è sempre simile ad esagono regolare);
  • triangoli rettangoli isosceli (infatti due triangoli rettangoli isosceli avranno sempre un angolo di 90° e gli altri due di 45°);
  • triangoli equilateri (i quali hanno sempre tre angoli di 60°);
  • i quadrati;
  • le circonferenze.

Mentre, ad esempio, un trapezio scaleno non è detto che sia sempre simile ad un’altro trapezio scaleno in quanto gli angoli corrispondenti potrebbero essere anche diversi tra loro.

#6.2. Equivalenza

Due figure sono equivalenti quando hanno la stessa area, ossia la stessa estensione.

#6.3. Congruenza (o uguaglianza)

Due figure piane sono congruenti o uguali quando hanno la stessa forma e la stessa area.

In altri termini due figure piane sono uguali se per mezzo di un movimento rigido ogni punto dell’una si sovrappone a un punto dell’altra. È sottinteso che due figure uguali sono equivalenti, simili e isoperimetriche.

La congruenza gode delle seguenti proprietà:

  • proprietà riflessiva: ogni figura è uguale a se stessa;
  • proprietà simmetrica: se una figura è uguale a un’altra, questa è uguale alla prima;
  • proprietà transitiva: due figure uguali a una terza sono uguali fra loro.

#6.4. Isoperimetria

Due figure piane sono isoperimetriche quando hanno lo stesso perimetro.

Buono studio!

  1.  Le unità di misura sono uno standard per la misurazione di quantità fisiche. In fisica e in metrologia, è necessaria una definizione chiara e univoca di tali quantità, al fine di garantire l’utilità e la riproducibilità dei risultati sperimentali, che è alla base del metodo scientifico. Per esempio, si misuri il peso di una mela con una bilancia, se la bilancia legge 100 e l’unità di misura in base alla quale è stata calibrata la bilancia sono i grammi, sapremo che la nostra mela pesa 100 grammi.
  2. Ricordiamo l’alfabeto greco, per gli studenti che hanno poca familiarità con esso: α (alfa), β (beta), γ (gamma), δ (delta), ε (epsilon), ζ (zeta), η (eta), θ (theta), ι (iota), κ (kappa), λ (lambda), μ (mi), ν (ni), ξ (xi), ο (o micron), π (pi o pi greca), ρ (rho), σ (sigma), τ (tau), υ (ipsilon), ϕ (fi), χ (chi), ψ (psi), ω (o mega).