Come diventare Infermiere – La guida

Scopri come diventare Infermiere e quali sono i concorsi riservati

In questa guida analizziamo come diventare Infermiere, e quali sono i concorsi a cui è possibile partecipare conseguendo tale qualifica.

Se sei già in possesso della Laurea in Infermieristica allora potrebbero interessarti i Concorsi Infermieri non scaduti.

Concorso Infermieri – Compiti, requisiti e prove del concorso

Chi è l’Infermiere?

L’infermiere è un professionista sanitario competente, autonomo e responsabile dell’assistenza infermieristica che è di natura tecnica, educativa e relazionale.

Inoltre, questa figura viene solitamente assistita da altri profili sanitari, tra cui gli OSS.

Quali sono le attività dell’Infermiere?

All’Infermiere sono affidate le funzioni di:
– tutela della salute e prevenzione delle malattie;
– educazione sanitaria;
– riabilitazione e cura delle persone di tutte le età.

In quali enti ed amministrazioni lavorano gli Infermieri?

L’Infermiere può esercitare la propria attività in diverse strutture sia pubbliche che private, tra cui:
– cliniche;
– ospedali;
– case di cura;
– centri di abilitazione;
– ambulatori.

In particolare, i contesti principali dell’occupazione degli infermieri sono:
– servizi di emergenza territoriale ed ospedaliera;
– servizi sanitari territoriali, domiciliari e ambulatoriali;
– strutture per lungodegenza, residenze sanitarie assistite, centri di riabilitazione, centri di assistenza per disabili, hospice;
– ospedali in tutte le unità operative di degenza.

Quanto guadagna un Infermiere?

Lo stipendio medio netto di un Infermiere varia a seconda dell’ente in cui lavora, partendo da €750 al mese fino ad arrivare a €2000 al mese.

In particolare, questi sono gli enti ed i guadagni medi di un Infermiere:
– Infermiere di Sala Operatoria: 2.030 €/mese;
– Infermiere in Pronto Soccorso: 1.970 €/mese;
– Anestesista: 1.810 €/mese;
– Infermiere Pediatrico: 1.550 €/mese;
– Clinica Privata: 1.540 €/mese;
– Casa di Riposo: 1.520 €/mese; 
– Ospedale: 1.480 €/mese;
– Istituto Penitenziario: 1.310 €/mese;
– Infermiere Categoria D: 1.250 €/mese;
– Infermiere in Cooperativa Sociale: 1.160 €/mese;
– Part Time: 750 €/mese.

Quale titolo di studio bisogna conseguire per diventare Infermiere?

Il titolo di studio per diventare Infermiere è la laurea triennale in Infermieristica o in Infermieristica pediatrica (L/SNT1) presso la facoltà di Medicina e Chirurgia abilitante all’esercizio della professione sanitaria di Infermiere e Infermiere pediatrico.

Tuttavia, il solo possesso della laurea non basta per partecipare ad un Concorso Infermieri, infatti è sempre richiesta l’iscrizione all’Albo dell’Ordine delle Professioni Infermieristiche.

Come ci si iscrive all’Albo degli Infermieri?

Dopo aver ottenuto il titolo di studio che abilita all’esercizio professionale, l’infermiere ha l’obbligo di iscriversi all’albo, necessario anche per partecipare ai Concorsi Pubblici.

Inoltre, l’Albo è tenuto dagli Ordini provinciali (ex Collegi), coordinati dalla Federazione Nazionale Ordini Professioni Infermieristiche. Attualmente in Italia esistono 102 Ordini delle professioni infermieristiche.

La domanda d’iscrizione in carta da bollo va presentata all’Ordine nella cui circoscrizione il richiedente ha la residenza. 

Infine, per informazioni più dettagliate sulle modalità d’iscrizione,è necessario rivolgersi all’Ordine provinciale di appartenenza. 

Quali sono le prove dei concorsi per Infermieri?

I concorsi per Infermieri vengono banditi dagli enti precedentemente elencati e solitamente prevedono diverse prove d’esame:
– prova scritta, con elaborato scritto o quesiti a risposta sintetica;
– prova pratica, con la predisposizione di atti connessi al profilo di Infermiere;
– colloquio orale.

Inoltre, se sono previste numerose candidature, l’Amministrazione può predisporre una prova preselettiva prima di far partire l’iter concorsuale.

Cosa può prevedere la prova preselettiva?

L’eventuale prova preselettiva del Concorso Infermieri dovrebbe prevedere un quiz basato sulle materie oggetto delle prove scritte.

In particolare, le materie della prova potrebbero essere:
– cultura specifica sulla professione di Infermiere;
– cultura generale;
– informatica;
– logica.

Inoltre, le modalità e le materie specifiche della prova preselettiva sono stabilite e comunicate ai candidati in modi diversi a seconda del concorso.

Quali sono le materie della prova scritta?

La prova scritta di un Concorso Infermieri verte sulle competenze della professione infermieristica nelle seguenti aree:
– discipline fondamentali relative all’ambito professionale degli infermieri;
– organizzativa gestionale;
– etico deontologica;
– legislazione sanitaria e dell’ordinamento professionale;
– prevenzione e sicurezza nei luoghi di cura;
– diritto amministrativo e del lavoro.

Com’è strutturata la prova pratica?

La prova pratica è basata su tecniche specifiche connesse alla qualificazione professionale di Infermiere.

Inoltre, le modalità di svolgimento della prova sono solitamente decise dalla Commissione.

Come viene svolta la prova orale?

La prova orale è un colloquio basato su tutte le materie indicate per le prove scritte, dato che prevede la verifica delle materie inerenti alla qualificazione di Infermiere.

Inoltre, viene spesso verificata la conoscenza di elementi di informatica e di una lingua straniera, tra cui l’inglese.

Quali sono i concorsi per Infermieri ancora aperti?

Puoi trovare tutti i Concorsi per Infermieri nel nostro elenco dei concorsi attualmente in scadenza cliccando qui.

Come posso studiare per i concorsi Infermieri?

Leggi subito la nostra guida su Come studiare per i Concorsi Infermieri.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.