Come diventare Tecnico di Laboratorio Biomedico – La guida

Scopri come conseguire tale qualifica e quali sono i concorsi ad essa riservati

In questa guida analizziamo come diventare tecnico di laboratorio biomedico, e quali sono i concorsi a cui è possibile partecipare conseguendo tale qualifica.

Se sei già un tecnico di laboratorio biomedico allora potrebbe interessarti i Concorsi Tecnici di Laboratorio Biomedico non scaduti.

Concorso Tecnici di Laboratorio Biomedico – Compiti, requisiti e prove del concorso

Chi è il tecnico di laboratorio biomedico?

Il tecnico di laboratorio è una figura professionale che opera nel settore sanitario e che svolge attività di analisi biomedica in diversi ambiti tra cui:
– biochimica;
– microbiologia;
– anatomia patologica;
– genetica;
– biologia molecolare;
– immunoematologia.

In quali enti ed amministrazioni lavorano i Tecnici di Laboratorio Biomedico?

Il Tecnico di Laboratorio può esercitare la propria attività in diverse strutture sia pubbliche che private, tra cui:
– cliniche;
– ospedali;
– case di cura;
– centri di abilitazione;
– istituti di ricerca e ambulatori.

Inoltre, tale figura professionale può trovare impiego anche in istituti alimentari e d’igiene ambientale, in organizzazioni di donatori di sangue, in uffici sanitari, istituti assicurativi, in laboratori di medicina veterinaria o di medicina legale.

Infine, il Tecnico di Laboratorio può svolgere la libera professione.

Quanto guadagna un tecnico di laboratorio biomedico?

Lo stipendio medio netto di un Tecnico di Laboratorio Biomedico è di circa €1.630.

Inoltre, lo stipendio iniziale di un Tecnico di Laboratorio Biomedico può aumentare con l’aggiunta di varie indennità.

Che titolo di studio bisogna conseguire per diventare tecnico di laboratorio?

Per diventare Tecnico di Laboratorio è necessario conseguire la  laurea triennale in Tecniche di Laboratorio Biomedico (classe L/SNT3) (parificato al diploma universitario di Tecnico Sanitario di Laboratorio Biomedico secondo il vecchio ordinamento).

La prova abilitante, valida come esame di stato, nella maggior parte degli atenei consiste in una prova pratica durante la quale il laureando deve dimostrare le conoscenze e le abilità acquisite nell’esecuzione delle tecniche diagnostiche di laboratorio proposte dalla commissione di laurea

Per chi esercita la professione è previsto un obbligo di partecipazione a corsi di aggiornamento nell’ambito del programma nazionale per la formazione degli operatori sanitari (ECM – Educazione Continua in Medicina).

Quali sono le prove dei concorsi per Tecnici di Laboratorio Biomedico?

I concorsi per Tecnici di Laboratorio Biomedico vengono banditi dalle Unità Sanitarie locali o dalle aziende ospedaliere e sono regolamentati dal DPR 220/01, che ha stabilito che le prove di un Concorso per Tecnici di Laboratorio Biomedico solitamente prevedono:
– prova scritta;
– prova pratica;
– colloquio orale.

Inoltre, se sono previste numerose candidature, l’Amministrazione può predisporre una prova preselettiva prima di far partire l’iter concorsuale esposto in precedenza.

Cosa può prevedere la prova preselettiva?

Il contenuto di una prova preselettiva per i Concorsi Tecnici di Laboratorio Biomedico è a discrezione dell’Ente che bandisce il concorso.

Nella maggior parte dei casi, la prova preselettiva prevede un test a risposta multipla sulle materie attinenti al profilo, cultura generale e ragionamento logico, numerico e deduttivo.

In cosa consiste la prima prova scritta?

La prima prova è solitamente di carattere teorico pratico e può consistere nella scrittura di un elaborato sulle seguenti materie:
– chimica clinica;
– ematologia;
– coagulazione;
– batteriologia;
– controllo di qualità interno ed esterno;
– informatica nella gestione della medicina di laboratorio.

Inoltre, l’Amministrazione può stabilire, tramite il bando di concorso, di effettuare la prova scritta tramite quesiti a risposta sintetica.

Com’è strutturata la prova pratica?

La prova pratica si svolge in presenza dell’intera commissione, che mette a disposizione apparecchi e materiali necessari per l’esecuzione di tecniche specifiche e attinenti il lavoro a concorso.

Come viene svolta la prova orale?

La prova orale è un colloquio basato su tutte le materie indicate per le prove scritte.

Inoltre, viene spesso verificata la conoscenza di elementi di informatica e di una lingua straniera a scelta, tra cui l’inglese.

Quali sono i concorsi per Tecnici di Laboratorio Biomedico ancora aperti?

Puoi trovare tutti i Concorsi per Tecnici di Laboratorio Biomedico nel nostro elenco dei concorsi attualmente in scadenza cliccando qui.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.