Organismo Indipendente Valutazione (OIV) – Come poterci lavorare – La Guida

UNA OTTIMA OCCASIONE DI LAVORO!

Tempo di lettura stimato: 7 minuti

Gli Organismi Indipendenti Valutazione (OIV), sono soggetti nominati in ogni Amministrazione Pubblica. Si tratta di contratti a tempo determinato della durata massima di 36 mesi, riservati ai laureati, rinnovabili un unica volta, retribuiti fino a diecimila euro annui.

Prima di mostrarti come funziona la procedura selettiva, ci preme ricordarti che per restare aggiornato sulle Guide e su tutti gli altri concorsi banditi in Italia ti basta attivare il servizio notifiche su ChatBot Telegram.

Se la Guida Organismi Indipendenti Valutazione (OIV) non è tra quelle che ti interessano, puoi sempre dare un’occhiata alle altre Guide oppure a tutti i bandi in scadenza.

, , ,

OIV cosa si tratta

Gli Organismi Indipendenti Valutazione hanno un importante ruolo nella valutazione delle prestazioni degli enti pubblici. La loro attività è fondamentale per garantire che gli enti pubblici siano in grado di fornire i servizi richiesti dalla cittadinanza in modo efficiente e tempestivo.

L’OIV può essere collegiale, formato da tre componenti, oppure monocratico, con un unico membro. L’incarico di un componente all’interno di un Organismo Indipendente di Valutazione può durare massimo tre anni e può essere rinnovato una sola volta, previo superamento di apposita procedura selettiva.

OIV cosa si occupa

L’OIV è un ente pubblico che si occupa di valutare e misurare la performance degli enti sia a livello di organizzazione sia a livello individuale. Con il termine “performance” ci si riferisce alla prestazione efficace di un’entità. Per valutare l’efficacia di tali prestazioni, l’OIV attiva un processo di valutazione.

OIV – Mansioni principali

L’OIV esegue i propri compiti in modo indipendente e imparziale attraverso lo svolgimento di specifiche mansioni:

– Analisi della valutazione, trasparenza e integrità dei controlli interni per il funzionamento complessivo del sistema. Il monitoraggio regolare e l’elaborazione di una relazione annuale sullo stato di questi elementi è fondamentale per garantire che il sistema funzioni in modo efficace;

– Valida la relazione sulle performance;

– Garantisce l’esattezza dei processi di misurazione e valutazione;

– L’OIV propone, all’organo di indirizzo politico-amministrativo dell’ente, di valutare annualmente i dirigenti di vertice e di attribuire premi in base ai risultati ottenuti. Questa valutazione è importante per garantire che i dirigenti lavorino al meglio per l’ente e siano premiati in base ai risultati ottenuti;

– L’OIV è responsabile dell’applicazione delle linee guida, delle metodologie e degli strumenti predisposti dal Dipartimento della funzione pubblica. La sua funzione è fondamentale per assicurare che tutte le attività siano svolte nel rispetto delle norme e dei principi stabiliti dal legislatore;

– L’OIV affianca l’amministrazione sulla metodologia e sulla verifica della correttezza dei processi di misurazione, monitoraggio, valutazione e rendicontazione della performance organizzativa e individuale. In questo modo, l’amministrazione può contare su un valido supporto per garantire la qualità e l’efficienza dei propri servizi;

– Formula parere vincolante sull’aggiornamento annuale del Sistema di misurazione e valutazione;

– Svolge compiti in materia di trasparenza e prevenzione della corruzione.

Quali enti necessitano di OIV

Organismi Indipendenti di Valutazione (OIV) sono presenti in tutti gli enti pubblici e avviano direttamente la selezione dei professionisti di cui necessitano per comporre il proprio OIV. La ricerca di personale può essere effettuata sia per costituire un organismo di valutazione ex-novo, che per rinnovarne uno già esistente. A titolo di esempio, tra gli enti che presentano bandi OIV figurano l’INAIL, il MEF, il Ministero della Difesa, i Comuni, gli Istituti di Ricerca pubblici e le Aziende Sanitarie Locali.

Requisiti di partecipazione

Il ruolo di OIV è riservato ai soli laureati, sia che siano disoccupati, sia che lavorino o siano in pensione. Oltre al titolo di accesso bisogna possedere i seguenti requisiti:

– Essere cittadini italiani o di uno degli Stati membri dell’Unione Europea;

– Godere dei diritti civili e politici;

– Precedente esperienza professionale di almeno cinque anni, presso pubbliche amministrazioni o aziende private, negli ambiti di misurazione e valutazione della performance organizzativa e individuale, pianificazione, controllo di gestione, programmazione finanziaria e di bilancio e risk management;

– Possedere requisiti quali l’assenza di condanne penali e di misure di prevenzione.

Come partecipare e inoltrare domanda

Per accedere alle selezioni, sia in forma collegiale, sia in forma monocratica, è necessario iscriversi all’Elenco nazionale dei componenti degli Organismi Indipendenti di Valutazione della performance, selezionare “Elenco nazionale Organismi Indipendenti di Valutazione” e successivamente “Inserimento Domanda”; verranno poi richiesti d’inserire i propri dati personale e lavorativi; come passaggio finale d’iscrizione verrà chiesto all’utente di firmare digitalmente la domanda. Una volta completata l’iscrizione bisognerà scegliere, secondo i propri interessi, il bando che più interessa attraverso questa pagina.

In quale area rientrano le assunzioni

Durante la procedura d’iscrizione, al momento dell’inserimento dei propri dati lavorativi antecedenti, il sistema in automatico ripartisce gli iscritti nelle tre fasce professionali che qui di seguito vi illustriamo:

– Fascia 1 è riservata a chi possiede almeno 5 anni di esperienza professionale negli ambiti connessi alla valutazione delle performance, oppure a chi possiede almeno 5 anni di esperienza dirigenziale di livello non generale nelle amministrazioni pubbliche;

– Fascia 2 vi rientra chi ha almeno 8 anni di esperienza professionale in ambito valutazione delle performance, di cui 3 come componente di OIV o nuclei di valutazione con funzioni analoghe presso amministrazioni pubbliche, oppure coloro che hanno maturato un’esperienza dirigenziale di livello generale di almeno 5 anni nelle amministrazioni pubbliche;

– Fascia 3 vi accede chi possiede un’esperienza professionale di almeno 12 anni negli ambiti specifici di misurazione e valutazione delle performance, di cui 3 anni come componente di OIV o nuclei di valutazione analoghi presso enti pubblici con almeno 250 dipendenti, oppure coloro che hanno maturato un esperienza dirigenziale di livello generale di almeno 8 anni maturata nelle pubbliche amministrazioni.

Procedura selettiva

Per questa categoria lavorativa non sono previste prove da dover superare. La selezione infatti verte principalmente nella valutazione dei curricula ed eventualmente un colloquio volto ad individuare le skills professionali richieste dal bando.

Retribuzione

Le retribuzioni come Organismo Indipendente di Valutazione variano a seconda dell’ente che promuove il bando ma in generale possono oscillare tra gli otto e i dieci mila euro annui. Cosa importante è che tale mansione può essere svolta in contemporanea ad altre retribuzioni che il candidato percepisce.

Normativa di rifermento

Qui di seguito le principali normative di rifermento relativa agli Organismi Indipendenti di Valutazione (OIV):

Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.150, che istituisce gli OIV;

– Testo del Decreto ministeriale 6 agosto 2020, che istituisce l’elenco nazionale dei componenti degli Organismi Indipendenti di Valutazione della performance.

Altri concorsi in scadenza o di prossima uscita

Oltre alla guida come Organismo Indipendente Valutazione (OIV) e come poterci lavorare, potrebbero interessarti i seguenti concorsi in primo piano oppure i prossimi bandi in uscita.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.