Tempo di lettura stimato: 6 minutes

I Test Psicoattitudinali, previsti tra le prove d’esame di molti Concorsi Pubblici, rappresentano spesso una forte incognita per qualsiasi candidato/a, anche quello/a più preparato/a. 

Il famoso colloquio con lo psicologo, che ritroviamo nella maggior parte dei concorsi militari e di polizia, è da sempre una prova che quasi tutti candidati affrontano senza punti di riferimento, senza sapere bene in cosa consiste e come affrontarla.

Ed è per tale motivo che in questa pagina ti parliamo di cosa sono i Test Attitudinali e come funzionano, per poi fornirti un valido metodo su come prepararsi per affrontarli nel migliore dei modi.

Test psicoattitudinali – Tutti i dettagli sugli accertamenti attitudinali

Cosa sono i test psicoattitudinali

Cosa si intende per test psicoattitudinali?

I test psicoattitudinali sono degli strumenti di indagine psicologica che hanno lo scopo di valutare la personalità e le attitudini del candidato.

In breve, tali test consentono di misurare in modo quali-quantitativo alcune caratteristiche o risorse psicologiche che si ritiene siano indicatrici di una attitudine o più, cioè disposizioni personali verso una determinata attività.

A cosa servono i test psicoattitudinali?

Dato che i test attitudinali sono basati su una determinata teoria che mette in relazione una o più risorse psicologica con un comportamento o una condotta, sono impiegati per cercare di predire l’esito di una futura performance tipica di una certa attività.

In particolare, nell’ambito dei Concorsi Pubblici i test psicoattitudinali servono per valutare se il candidato sia davvero la persona più idonea a ricoprire il ruolo per il quale concorre.

Quali concorsi prevedono gli accertamenti dell’idoneità psicoattitudinale?

I principali concorsi per i quali è prevista la verifica dell’idoneità psicoattitudinale sono quelli del Settore Militare, in particolare:
– VFP1/VFP4;
– Concorsi nelle qualifiche iniziali delle Forze Armate e Forze dell’Ordine (Allievo Carabiniere, Allievo Finanziere, Allievo Agente Polizia di Stato, Allievo Agente Polizia Penitenziaria, Vigile del Fuoco, Vigile Urbano);
– Concorsi per i gradi apicali delle Forze Armate e Forze dell’Ordine (Allievi Ufficiali/Commissari, Allievi Marescialli/Ispettori e Allievi Scuole Militari).

Come funzionano i test psicoattitudinali

Quali sono i test psicoattitudinali?

La maggior parte dei test psicoattitudinali sono costituiti da questionari in cui è chiesto al candidato di rispondere a domande oppure di indicare il proprio accordo ad affermazioni.

Qual è la differenza tra test con questionari e test in cui indicare l’accordo?

I test per la verifica dell’idoneità psicoattitudinale con questionari vanno a misurare in particolare le capacità cognitive e di problem solving.

I test in cui bisogna indicare quanto si è d’accordo con determinate affermazioni, invece, misurano gli atteggiamenti (in inglese attitude) verso certi temi o situazioni.

Entrambe le tipologie di test sono volte a ricavare indicazioni circa il modo di comportarsi del candidato in particolari situazioni ipotetiche di lavoro.

Come rispondere ad un test psicoattitudinale?

È fondamentale specificare che non ci sono modi giusti o sbagliati per rispondere ai test psicoattitudinali. Dato che i test, basandosi su determinati “tipi” psicologici a cui corrispondono comportamenti tipici, tengono sempre conto di errori di misura che vengono bilanciati da alcuni specifici meccanismi di controllo.

In breve, per svolgere al meglio un test psicoattitudinale è importante:
– prestare attenzione alle indicazioni date, rispettando in modo preciso la consegna;
– chiedere chiarimenti se qualcosa non viene compreso;
– mantenere il più possibile un atteggiamento calmo e rilassato, in modo da non farsi influenzare dall’ansia di prestazione;
– evitare di “ingannare” il test.

Come affrontare i Test Psicoattitudinali – Il servizio di consulenza

Al fine di consentirti di affrontare questa fase così delicata del tuo concorso, noi di Concorsando.it abbiamo stipulato una convenzione con un ex Ufficiale Psicologo selettore Militare che effettua un Servizio di Valutazione e Orientamento Psicoattitudinale per Concorsi nelle Forze Armate e nelle Forze dell’Ordine.

Grazie a tale servizio sarai in grado di affrontare i test attitudinali e il colloquio dallo psicologo con maggiore serenità

Sono tre le modalità con cui lo Psicologo effettua tale servizio di consulenza:

  • Colloquio con questionario integrato;
  • Test di personalità + Colloquio con questionario psicoattitudinale integrato;
  • Test di personalità + Test Attitudinale + Colloquio con questionario psicoattitudinale integrato.

Opzione 1: Colloquio con questionario psicoattitudinale integrato

Grazie a questa opzione potrai essere valutato/a sulla maggior parte dei criteri psicoattitudinali previsti e, conseguentemente, sarà possibile indicarti tutte le risorse da consolidare e le eventuali criticità da migliorare.

Questa opzione è consigliabile nel caso in cui:

  • Hai già effettuato in passato dei test psicologici e sei a conoscenza dei risultati (non critici);
  • Vuoi solo farti un’idea generale di come “funzioni” un colloquio psicoattitudinale militare;
  • Hai le idee poco chiare su quale ruolo Forza Armata/Forza di Polizia scegliere e vuoi ricevere una consulenza di orientamento professionale.

Opzione 2: Test di personalità + Colloquio con questionario psicoattitudinale integrato

Questa opzione ha il vantaggio, rispetto all’opzione 1, di prevedere la somministrazione di un test di personalità prima di effettuare il colloquio psicoattitudinale.

Tale vantaggio si traduce in un grado di accuratezza ancora più elevato rispetto al solo colloquio.

Questa opzione è consigliabile nel caso in cui:

  • Vuoi avere un grado maggiore di sicurezza;
  • Sei in una fase avanzata del concorso e hai poco tempo per prepararti;
  • Stai affrontando un concorso per ruoli “entry level”, ossia VFP1 e corrispettive Qualifiche di Polizia (Allievo Carabiniere, Allievo Finanziere, Allievo Agente Polizia di Stato, Allievo Agente Polizia Penitenziaria, Vigili del Fuoco e Polizia Locale).

Opzione 3: Test di personalità + Test Attitudinale + Colloquio con questionario psicoattitudinale integrato

La terza opzione ha l’indubbio vantaggio di coprire tutti gli aspetti più importanti di una valutazione psicoattitudinale. Rispetto alle opzioni 1 e 2, offre quindi un grado di accuratezza chirurgico.

Questa opzione è consigliabile nel caso in cui:

  • Vuoi raggiungere il massimo grado di accuratezza possibile;
  • Stai concorrendo per i gradi apicali delle Forze Armate e Forze dell’Ordine (Allievi Ufficiali/Commissari, Allievi Marescialli/Ispettori e Allievi Scuole Militari);
  • Stai valutando la possibilità di effettuare ricorso al TAR o al CdS e hai bisogno di una consulenza tecnica esperta.

Se ti interessa richiedere subito la tua consulenza oppure ricevere maggiori informazioni in merito compila il seguente form.

Dopo averlo compilato lo psicologo ti contatterà il prima possibile per fornirti tutte le informazioni di cui necessiti. Chiaramente inoltrando la richiesta non sei vincolato in alcun modo ad acquistare poi il servizio di consulenza.