Tempo di lettura stimato: 8 minuti

È risaputo che chi supera un concorso non è il più intelligente, ma chi si è preparato meglio. Per questo motivo, utilizzare le giuste tecniche di memoria durante la preparazione di un concorso pubblico risulta essenziale.

Una buona memoria può davvero fare la differenza e, a volte, risulta la chiave vincente per superare le prove oggetto d’esame.

Basti pensare che in una procedura concorsuale la prova preselettiva viene superata da chi nel più breve tempo possibile riesce a rispondere correttamente al maggior numero di domande.

Ovviamente, in questo caso, il candidato avrà dovuto precedentemente memorizzare il maggior numero di quesiti indicati nella banca dati. Ma quali tecniche di memorizzazione per lo studio bisogna usare?

Tecniche di memoria – Tutto quello che ti occorre sapere

Studiare per un Concorso Pubblico

Come studiare per un concorso pubblico?

Se il concorso al quale hai deciso di partecipare prevede la pubblicazione di una banca dati, i manuali ti saranno d’aiuto solo durante la prima fase, visto che con essi riuscirai ad acquisire le tecniche di risoluzione dei quesiti di logica e matematica.

Per approfondire e completare al meglio lo studio, ti consigliamo quindi di utilizzare anche:
– il Corso Online per acquisire le giuste tecniche di memoria ed imparare come memorizzare una banca dati;
– il nostro Simulatore Quiz per esercitarti e simulare la prova del concorso che andrai ad affrontare.

Quanto tempo ho a disposizione per preparare il concorso?

In genere si ha a disposizione un tempo medio di 60 giorni per la preparazione di un concorso pubblico:
– i primi 30 giorni a partire dalla pubblicazione fino alla scadenza del bando;
– i successivi 30 giorni partono dalla scadenza del bando o pubblicazione della banca dati fino al primo giorno delle prove.

Inoltre, questi dati sono solo calcolati in media, ma possono variare. Ci sono stati concorsi pubblici per i quali, dalla pubblicazione del bando alla data di inizio delle prove, sono passati 3-4 mesi.

Come posso organizzare bene lo studio?

Prima di iniziare il tuo studio “matto e disperato”, devi organizzare il tuo tempo.

In particolare, dovrai:
– capire quanti giorni hai a disposizione prima delle prove della selezione pubblica;
– capire quanto tempo hai a tua disposizione e quante ore al giorno puoi dedicare allo studio;
– realizzare il tuo calendario, usando quelli più tradizionali, quelli digitali o scaricando un’apposita app.

Inoltre, è consigliato studiare 6 ore al giorno, ma tutto dipende dai tuoi impegni. Per realizzare il tuo calendario, dovrai calcolare anche il tuo materiale di studio, ovvero di quante pagine sono composti i manuali scelti (se hai scelto di affidarti ad un manuale) e quante ore vuoi dedicare alle esercitazioni.

Esistono altri accorgimenti da usare per studiare velocemente e bene?

Certo, ci sono altri accorgimenti che puoi seguire per aumentare il grado di apprendimento di quello che studi:
– se ripassi un argomento entro le 24 ore, impedisci di dimenticare ciò che hai appreso fino all’80%;
– utilizza le tecniche di memoria;
– dopo aver letto più volte un argomento, ripetilo con il libro chiuso. Ti permetterà di memorizzare velocemente;
– prepara le flashcard: ovvero prendi tutte le domande che ci sono su un determinato argomento. I quesiti a cui risponderai li inserirai in una scatola, quelli a cui non sai rispondere li porrai in un’altra scatola. In questo modo, capirai quali sono le tue lacune e quali sono i concetti da approfondire;
– prendi del tempo per riposarti, ascoltare musica e fare esercizio, in questo modo aiuterai la mente.

Come posso studiare tutti gli argomenti della banca dati?

Sarebbe molto difficile, se non impossibile, studiare tutti gli argomenti di una banca dati in poco meno di un mese (dalla pubblicazione della banca dati al giorno delle prove) dato che le banche dati comprendono numerosissimi argomenti.

Quello che possiamo consigliarti è di memorizzare la domanda ed associarla alla relativa risposta esatta.

Come faccio a memorizzare una banca dati senza studiarne gli argomenti?

Lo studio ovviamente è importante e fondamentale, tuttavia ti consigliamo di approfondire alcune tecniche di memorizzazione e di valutare l’apposito corso online su come memorizzare una banca dati di cui ti parleremo più avanti.

Quali sono le tecniche di memoria

Si può imparare a memoria senza conoscere l’argomento che si studia?

In teoria sì, ma bisogna fare una piccola precisazione: per memorizzare bisogna prima capire il concetto. Memorizzare, senza capire, ti porterà a dei vuoti di memoria. Questi ti potrebbero capitare proprio in un momento di stress, ad esempio, durante le prove di un concorso pubblico!

Quindi, senza capire ciò che si impara, nel giro di poco tempo dimenticherai tutto facilmente.

Possiamo dirti che il metodo migliore per memorizzare argomenti che non si conoscono sono le immagini.

Perché il migliore metodo per memorizzare velocemente sono le immagini?

Perché le migliori tecniche di memoria si avvalgono di processi creativi e dinamici, che sfruttano la parte meno usata del cervello: l’emisfero destro.

Infatti, il concetto fondamentale delle mnemotecniche è che il cervello ricorda meglio le immagini rispetto a qualsiasi altra cosa, dato che l’80% delle informazioni presenti nella nostra memoria sono di tipo visivo.

Bisogna quindi associare l’informazione ad un’immagine per depositarla con facilità, che sarà dunque il mezzo per memorizzare in maniera semplice il tuo concetto.

Oltre alle immagini, ci sono altre tecniche di memoria?

Le tecniche di memorizzazione per lo studio da poter applicare durante i concorsi pubblici sono davvero tante.

Oltre alla strategia delle immagini, puoi usare altre tecniche di memoria:

Le parole di velcro: associare a concetti complicati termini semplici, sfruttandone la rima.

Memoria immediata: Ripeti almeno una volta in modo chiaro il concetto. Comanda al tuo cervello di memorizzare il materiale (questo comporterà un’emozione che verrà associata ad un ricordo. In questo modo, recupererai più velocemente l’informazione, perché è associata ad un’emozione). Infine, riguarda il materiale un’ultima volta.

Memoria permanente: fai un elenco di ciò che vuoi ricordare e ripassalo per 5 minuti. Terminata la giornata di studio, prima di andare a dormire, ripassa l’elenco dei punti chiave per 5 minuti. Trascorsi 3 giorni, ripassa l’elenco per 5 minuti.

Leggere velocemente aiuta o danneggia la memorizzazione dei concetti?

In teoria una lettura veloce può aiutare e velocizzare la memorizzazione, a patto che tu capisca i concetti anche leggendo velocemente.

Forse non lo sai, ma si può arrivare a leggere nella metà del tempo, in quanto lo spettro visivo in genere riesce a visualizzare fino a 3 cm, mentre con l’allenamento si arriva fino a 5/6 cm.

Come posso allenarmi per leggere più velocemente?

Ci sono diverse strategie che si basano su un mirato allenamento dei muscoli degli occhi, che vanno allenati se si vogliono ottenere risultati ottimali:
– Procurati una luce naturale posta dietro le spalle, usa un leggio e rilassa gli occhi;
– Il rombo di parole: prendi un foglio e realizza un rombo. Ritaglialo e utilizzalo per la lettura del testo. Dovrai leggere solo quello che si trova all’interno della figura geometrica;
– Scegli una parola semplice che si trova all’interno di un testo. Dovrai cercarla e individuarla con un semplice colpo d’occhio;
– Utilizza un puntatore o un righello per leggere. Sposta il puntatore un attimo prima di aver ultimato la lettura. In questo modo, leggerai più velocemente e immagazzinerai solo le informazioni più importanti.

La lettura veloce è davvero utile alla memorizzazione o si può evitare?

Se utilizzate nel giusto modo, queste tecniche di lettura veloce saranno molto utili per la memorizzazione: leggere più velocemente ti porterà a ricordare in modo più veloce quello che hai letto, proprio perché l’attenzione della tua mente è massima e perché si concentrerà su alcune parole chiave.

Come memorizzare una banca dati – Il Video Corso Online per applicare le tecniche di memoria

Molti dei concorsi pubblici banditi in Italia, in particolar modo quelli relativi ai profili militari e di polizia nonché quelli ministeriali, prevedono la pubblicazione di una banca dati, ossia di un insieme di quiz da cui poi in sede di esame saranno estratte le domande a cui dovranno rispondere i candidati.

Una volta pubblicata la banca dati, avrai mediamente 30 giorni per memorizzarla tutta, quindi ciò che conta veramente è il metodo che si utilizza per massimizzare lo studio.

Il nostro nuovo Corso presenta infatti una metodologia di studio pensata e sviluppata esclusivamente per la memorizzazione delle banche dati.

Obiettivo Concorsi è un particolare video corso online che ti insegna come memorizzare le banche dati pubblicate per i concorsi pubblici applicando le più efficienti tecniche mnemoniche.

Cos’è Obiettivo Concorsi?

Frutto dell’esperienza maturata negli anni nell’ambito del progetto Genio in 21 Giorni, il famosissimo corso dal vivo di apprendimento rapido, Obiettivo Concorsi è un particolare video corso online che ti insegna come memorizzare le banche dati pubblicate per i concorsi pubblici applicando le più efficienti tecniche mnemoniche.
Si tratta di un progetto nato e sviluppato pensando a quelle che sono le difficoltà che un candidato medio incontra nel memorizzare migliaia di quiz relativi alle materie più disparate.

Chi sono i sui ideatori?

All’ideazione e alla costruzione di Obiettivo Concorsi ha partecipato tutto lo staff di Genio in 21 Giorni, tuttavia all’interno del corso sarai condotto per mano dai super istruttori Massimo de Donno e Salvatore de Tommaso.

Obiettivo Concorsi è solo un corso online e nulla più?

Assolutamente no!
Iscrivendoti a Obiettivo Concorsi riceverai un’assistenza continua da parte dello staff di Genio in 21 Giorni, che ti supporterà nella memorizzazione delle banche dati dei concorsi a cui stai partecipando.

Il corso Obiettivo Concorsi risulta utile solo per quei concorsi per i quali è prevista la pubblicazione della banca dati?

Sì, se per il tuo concorso non è prevista la pubblicazione della banca dati non ha senso per te iscriverti a Obiettivo Concorsi.

Per il mio concorso la pubblicazione della banca dati è imminente, ha senso per me iscrivermi a Obiettivo Concorsi?

Sì ma solo se la pubblicazione è prevista almeno tra tre settimane e non si tratta di una banca dati enorme (tipo 20.000 quiz), in quanto per poter applicare il metodo Obiettivo Concorsi dovrai prima apprenderlo e farlo tuo, e per fare ciò come minimo ti occorrono tre settimane.

Questo corso online è disponibile anche su qualche altra piattaforma online?

No, il corso Obiettivo Concorsi lo trovi solo sulla nostra piattaforma di formazione e non altrove.

Obiettivo Concorso - Corso online - Come memorizzare le banche dati di concorsi pubblici

2 Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.