TFA Sostegno 2021 – 22000 posti disponibili

Scopri i requisiti ed inizia a studiare

TFA Sostegno 2021

Si aggiunge ai Concorsi in Primo Piano il TFA Sostegno 2021, per il quale è stato finalmente pubblicato il decreto del VI ciclo di corsi di formazione, con 22000 posti a disposizione.

Se vuoi iniziare a prepararti alle prove, leggi Come studiare per il TFA Sostegno.

TFA Sostegno 2021 – Posti, requisiti e prove

A cosa serve il TFA?

Il TFA è un periodo di formazione teorico-pratico che viene attivato presso le principali Università italiane e che, una volta portato a termine, consente di ottenere l’abilitazione necessaria per partecipare ai concorsi scuola come posto su sostegno.

In altri termini, con il TFA puoi diventare un insegnante di sostegno.

Non solo potrai partecipare ai concorsi con le procedure dedicate al sostegno, ma potrai avere anche molte più chance di essere chiamato per le supplenze nelle scuole dato che c’è una forte carenza di cattedre di sostegno.

Quanti sono i posti previsti per il VI ciclo?

Inizialmente previste circa 6191 unità, a Giugno 2021 il Ministro Bianchi ha affermato che è stata richiesta ed ottenuta dal MEF l’attivazione di alti 15000 posti, con un numero complessivo pari a 22000 totali divisi tra scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di I e II grado.

Sono previsti ulteriori posti per i prossimi cicli di TFA Sostegno?

Sì, per il triennio 2021-2024 è previsto un totale di 90.000 posti, come confermato dal Ministro:
Per coprire posti vacanti per il sostegno col ministero dell’Università abbiamo avanzato al MEF richiesta di attivazione di percorsi per 90mila posti per il 2021-2024 con un forte incremento dell’offerta formativa“.

In particolare, dei 90.000 posti totale sono circa 25.000 quelli aggiunti recentemente e sono così ripartiti:
– 5.000 posti extra per l’A.S. 2021/2022;
– 11.000 posti extra per l’A.S. 2022/2023;
– 9.000 posti extra per l’A.S. 2023/2024.

Come sono distribuiti i posti?

I 22.000 posti disponibili sono distribuiti in molte università italiane.

Per una panoramica sull’offerta formativa della specializzazione sul sostegno, consulta le tabelle ufficiali pubblicate dal MIUR.

Quali sono i requisiti per partecipare alle selezioni?

I titoli richiesti per partecipare sono gli stessi del V ciclo, quindi per la scuola d’infanzia e primaria possono partecipare solo i candidati in possesso di:
– laurea in Scienze della formazione primaria;
– oppure diploma magistrale, ivi compreso il diploma sperimentale a indirizzo psicopedagogico, con valore di abilitazione e diploma sperimentale a indirizzo linguistico, conseguiti presso gli istituti magistrali;
– oppure un titolo analogo conseguito all’estero e riconosciuto in Italia.

Per la scuola secondaria di primo e secondo grado, invece, dal 2019 l’abilitazione non è più un requisito indispensabile. Possono infatti partecipare i candidati in possesso di:
– abilitazione specifica sulla classe di concorso;
– oppure titolo di laurea e 24 CFU (Crediti Formativi Universitari) in discipline antropologiche, psicologiche, pedagogiche e in metodologie e tecnologie didattiche.

Gli insegnanti tecnico pratici (ITP) possono accedere ai percorsi per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno con il diploma (art. 5, comma 2 che prevede una deroga fino all’a.s. 2024/2025 al requisito della laurea). Inoltre, per gli ITP non sono richiesti i 24 CFU.

È possibile partecipare con la laurea triennale?

No, non puoi partecipare.

Come ottenere i 24 CFU?

A questo proposito, possiamo già offrirti un valido servizio a un prezzo molto vantaggioso, per maggiori informazioni clicca qui.
Inoltre, ti consigliamo di conseguire i titoli che ti mancano il prima possibile, così da arrivare alla data di uscita del bando il più preparato/a possibile.
24 CFU e Master ecampus

Quante prove sono previste?

La selezione prevederà diverse prove d’esame:
– prova preselettiva;
– eventuale prova scritta, a discrezione dell’università;
– prova orale, con quesiti a risposta aperta.

In cosa consiste la prova preselettiva?

La prova preselettiva sarà composta da 60 quesiti con 5 opzioni di risposta, a cui rispondere in un tempo massimo di due ore.

In particolare, i 60 quesiti saranno suddivisi esattamente come per la prova del V ciclo:
– 20 quesiti sulla verifica delle competenze linguistiche e della comprensione dei testi in lingua italiana;
– 40 quesiti per verificare le competenze professionali specifiche socio-psico-pedagogiche.

Inoltre, per ogni domanda verrà assegnato il seguente punteggio:
– 0,5 punti per ogni risposta corretta;
– 0 punti per ogni risposta errata, mancata o multipla.

Infine, il punteggio minimo necessario per superare la prova preselettiva è 21/30.

Cosa studiare per la prova del TFA Sostegno?

Tutte le prove del TFA Sostegno sono volte a verificare le seguenti competenze:
– linguistiche e comprensione del testo;
– socio-psico-pedagogiche diversificate per grado di scuola;
– riconoscimento e comprensione di emozioni, stati d’animo e sentimenti nell’alunno;
– aiuto all’alunno per un’espressione e regolazione adeguata dei principali stati affettivi;
– capacità di autoanalisi delle proprie dimensioni emotive nella relazione educativa e didattica;
– saper generare strategie innovative ed originali tanto in ambito verbale linguistico e logico matematico quanto attraverso i linguaggi visivo, motorio e non verbale;
– organizzative in riferimento all’organizzazione scolastica e agli aspetti giuridici concernenti l’autonomia scolastica.

Come si svolgono le prove successive?

L’articolazione delle prove successive alla preselettiva è stabilita dalle singole università.

In particolare, la prova scritta verte su uno o più argomenti previsti per la prova preliminare e prevede un test con domande a risposta aperta.

Inoltre, anche la prova orale verte solitamente sulle materie delle prove scritte e su quesiti motivazionali.

Infine, per entrambe le prove la valutazione è espressa in trentesimi e solo i candidati che superano le prove con la sufficienza (21/30) entrano in graduatoria.

Quando si svolgerà la prova del TFA Sostegno?

La prova preselettiva del VI Ciclo del TFA Sostegno si svolgerà nelle seguenti date:
– Infanzia: 20 Settembre 2021;
– Primaria: 23 Settembre 2021;
– Secondaria I Grado: 24 Settembre 2021;
– Secondaria II Grado: 30 Settembre 2021.

È stato pubblicato il decreto del TFA Sostegno 2021?

Sì, il decreto è stato pubblicato il 6 Luglio 2021 nel portale del MUR.

Come si partecipa al TFA Sostegno?

Per poter inoltrare la domanda di partecipazione al VI Ciclo del TFA Sostegno è necessario attendere l’uscita dei bandi, che vengono pubblicati dai singoli atenei.

Inoltre, puoi consultare tutti gli atenei tramite le tabelle ufficiali pubblicate dal MIUR.

Quando saranno pubblicati i bandi?

Non è possibile stabilire una data certa per la pubblicazione dei bandi del TFA Sostegno 2021.

In ogni caso, dato che le prove inizieranno il 20 Settembre, la pubblicazione dei bandi da parte delle singole università è attesa a breve.

Quali sono le università che hanno già pubblicato i bandi?

Numerose università stanno già predisponendo i bandi, con scadenze tra Agosto e l’inizio di Settembre 2021.

In particolare, le università che hanno già pubblicato i bandi sono:
– Università di Foggia, scadenza 25 Agosto 2021;
LUMSA, scadenza 31 Agosto 2021;
Suor Orsola Benincasa, scadenza 10 Settembre 2021;
Link Campus University, scadenza 13 Settembre 2021;
Università della Tuscia, scadenza 9 Settembre 2021;
UniCamillus Roma, scadenza 8 Settembre 2021;
Università di Enna, scadenza 10 Agosto 2021;
Università di Pisa, scadenza 26 Agosto 2021.

Quanto durerà il corso? Come si svolgerà?

Coloro che superano la prova di accesso frequentano un corso di specializzazione disciplinato da ogni singolo ateneo con un proprio regolamento.

Durante il corso occorrerà conseguire 60 CFU, in non meno di 8 mesi.

I corsi si concluderanno, di norma, entro il 30 giugno dell’anno di riferimento (art. 3 decreto 8 febbraio 2019), salvo eccezioni (come l’eccezione per il V ciclo, che prevede il completamento dei corsi entro il mese di maggio 2021).

Le assenze sono accettate nella percentuale del 20 per cento di ciascun insegnamento e l’eventuale recupero potrà essere effettuato con modalità definite dai titolari degli insegnamenti.

Per i soggetti che hanno già conseguito il titolo di specializzazione sul sostegno in un altro grado di istruzione e risultano utilmente collocati in graduatoria di merito, ovvero ammessi in soprannumero, sono previsti percorsi abbreviati, fermo restando l’obbligo di acquisire i 9 crediti di laboratorio e i 12 crediti di tirocinio.

Gli insegnamenti, le attività laboratoriali e di tirocinio, i crediti formativi universitari sono contenuti nell’Allegato B, DM. 30 settembre 2011.

Come posso ricevere aggiornamenti sul TFA Sostegno 2021?

Se sei interessato a ricevere notifiche sugli sviluppi del TFA Sostegno 2021, manifesta il tuo interesse al nostro BOT cliccando qui.

Come posso conoscere gli altri candidati alla selezione?

Iscrivendoti al relativo gruppo di studio, potrai entrare a contatto con gli altri candidati, in modo da scambiare informazioni utili sul TFA Sostegno 2021.

Quanto costa partecipare al TFA Sostegno?

Per partecipare al TFA Sostegno è necessario il pagamento di una tassa di iscrizione con importo variabile a seconda dell’ateneo: il prezzo oscilla tra i 100 ed i 200 euro ed è sempre indicato nel bando pubblicato dall’università scelta.

Inoltre, le modalità per effettuare il pagamento sono:
– MAV stampato, da pagare presso uno sportello bancario;
– MAV online, da pagare sulla piattaforma della propria banca di riferimento tramite carta di credito o prepagata;
– PagoPA, per pagare il bollettino digitalmente o presso i punti accreditati.

Quanto costa l’immatricolazione al TFA Sostegno?

Così come la tassa di iscrizione, anche il costo dell’immatricolazione al TFA Sostegno varia in base all’ateneo scelto ed è specificato nel bando.

In particolare, il costo dell’immatricolazione per il V Ciclo del TFA Sostegno si aggirava tra i 2.500 e 3.800€.

I docenti ITP possono partecipare con il diploma?

Certo, gli insegnanti tecnico pratici possono partecipare con il solo diploma essendo esonerati dal possesso dei 24 CFU. I docenti ITP inoltre possono partecipare esclusivamente per la scuola secondaria di II grado, non avendo titoli di accesso per gli altri ordini/gradi di istruzione.

Per partecipare sono necessari 3 anni di servizio?

No, non è richiesto alcun requisito di servizio obbligatorio.

È previsto l’esonero dei 24 CFU per chi ha 3 anni di servizio?

No, sebbene fosse previsto per lo scorso Ciclo, l’articolo 5 comma 1 del 2019 non è più previsto nel Decreto 95 del 12 Febbraio 2020.

È possibile partecipare a più gradi/ordini di istruzione?

Certo, se si è in possesso dei requisiti di accesso per più gradi/ordini di istruzione è possibile parteciparvi.

Si può partecipare per lo stesso grado/ordine in più atenei?

No, dato che le prove si terranno nella stessa data in tutta la Nazione, proprio per non consentire la partecipazione in più atenei.

La prova preselettiva sarà predisposta dalle università o dal MIUR?

Le prove sono predisposte dai singoli atenei in conformità ai Decreti Ministeriali, quindi non sarà un’unica prova su tutto il territorio nazionale.

Quanti candidati saranno ammessi alla seconda prova?

Il numero di candidati ammessi alla seconda prova sarà il doppio rispetto ai posti messi a bando.

Quali sono i titoli valutabili?

Saranno i bandi universitari a definire quali titoli saranno valutabili e i relativi punteggi.

A quanto ammonta la tassa di partecipazione? Come ci si iscrive? Si pagano più tasse per più ordini/gradi?

Sarà compito dell’ateneo definire la modalità di partecipazione e il pagamento della tassa di iscrizione. La tassa di iscrizione andrà pagata per ogni grado/ordine per cui si intende partecipare.

Quanto costa immatricolarsi?

I costi di immatricolazione al corso di specializzazione, una volta superate le prove, saranno decisi dai singoli atenei. Negli scorsi cicli la cifra si aggirava tra i 3000€ e i 3900€ a seconda degli atenei.

Quanto tempo passa tra una prova e l’altra?

Dipende dall’Università, solitamente 15/20 giorni dato che la prova preselettiva viene corretta tramite i correttori automatici.

I vincitori di più ordini/gradi possono frequentare più corsi?

No, bisognerà scegliere uno solo dei corsi. Resta comunque la possibilità di partecipare all’altro corso per cui si è vincitore durante il ciclo successivo da idoneo.

Si può partecipare con riserva senza aver conseguito i 24 CFU prima della scadenza del bando?

No, tutti i requisiti di accesso devono essere posseduti alla data di scadenza del bando.

Una volta conseguito il titolo di sostegno, potrò inserirmi in II fascia?

I docenti che conseguiranno il titolo di specializzazione su sostegno potranno inserirsi nelle graduatorie d’istituto e in quelle provinciali di prossima istituzione.

Una volta conseguito il TFA Sostegno come si può utilizzare se non si è iscritti nelle graduatorie di istituto?

Il TFA Sostegno assegna la priorità nelle convocazioni durante l’invio della MAD.

Il TFA è compatibile con altri corsi universitari?

Si può tranquillamente partecipare al percorso di selezione ma, in caso di incompatibilità di date, si può rinunciare o congelare il corso rivolgendosi all’ateneo.

Si ha diritto a punteggio aggiuntivo se si è già inseriti in II o III fascia?

Sì, sia in II fascia che in III fascia, spetta un punteggio di 6 punti per i docenti in possesso del titolo di specializzazione su sostegno (anche se posseduto per ordine\grado diverso di scuola).

TFA Sostegno 2021 – Come iniziare a studiare

Anche se il bando del TFA Sostegno 2021 è ancora lontano, è molto importante iniziare a studiare fin da subito, soprattutto in considerazione del numero di posti, molto più basso rispetto allo scorso anno.

Dato che le prove attualmente previste saranno molto simili a quelle del V ciclo, ti consigliamo di prepararti seguendo la nostra precedente guida allo studio.

In essa troverai tutti i dettagli sul corso online, sui manuali Edizioni Simone consigliati e sulla banca dati del concorso precedente, disponibile sul Simulatore Quiz!

37 Commenti

  1. Salve, è possibile, come per le facoltà universitarie una riduzione della tassa secondo l’isee? Grazie mille

  2. Salve, sono laureato in scienze politiche, ho preso i 24 cfu per l’abilitazione a insegnare.
    Con i 24 cfu è possibile partecipare, oppure devo colmare altre lacune?

  3. Buonasera, volevo sapere se è possibile partecipare alla selezione, dimostrando che si è iscritti anche ad una laurea specialistica ( io ho laurea triennale in sociologia e so che non mi dà accesso alla selezione, però vorrei avvantaggiarmi con lo studio).Grazie

  4. Salve, vorrei provare a partecipare alla preselettiva del TFA sostegno ed alla presettiva in scienze della formazione primaria. Sicuramente i risultati in scienze della formazione primaria si sapranno prima e di conseguenza se dovessi superare dovrò iscrivermi. Mi chiedo se dovessi superare anche la Preselettiva del TFA sostegno posso fare la rinuncia agli studi in scienze della formazione primaria e seguire il corso? O devo aspettare l’anno successivo?

  5. Si può partecipare con il diploma di ragioniere indirizzo perito commerciale e amministrativo?
    Grazie

  6. Salve vorrei fare il tfa ma sono iscritta a giurisprudenza, sono corsi compatibili giuridicamente o devo procedere alla sospensione del corso di laurea?

  7. Salve, quando uscirà il bando? Siamo già a giugno e sarebbe dovuto uscire tra aprile e maggio…

      • Ci si può iscrivere se si ha un diploma magistrale del liceo socio-psicopedagogico, e si è iscritti al secondo anno in corso di una laurea triennale in scienze della formazione ?

    • I laureandi in Scienze della formazione Primaria possono partecipare con riserva alla prova preselettiva tfa sostegno?

  8. Salve, sono laureata in scienze dell’educazione e della formazioneL19
    È in Scienze pedagogiche e della progettazione educativa L85, posso accedere al Tfa??

  9. Salve, ho una laurea 3+2 in economia. Vorrei conseguire il tra per diventare insegnante di sostegno. Potrei sapere passo passo cosa dovrei fate per arrivare ad accedere ai concorsi?

  10. Buonasera sono laureata alla triennale in scienze della formazione e specializzata in scienze pedagogiche posso partecipare al bando?

  11. Buongiorn, sono una laureata in giurisprudenza v.o.. Non sono abilitata, per poter partecipare al prossimo tfa, devo integrare gli esami mancanti per la mia classe di concorso e conseguire i 24 cfu?

  12. Buongiorno,
    per partecipare alle selezioni per la scuola d’infanzia e primaria è sufficiente il diploma di liceo classico?

    Grazie mille

    • No, è necessario essere laureati. Le consigliamo di leggere attentamente i requisiti ed il bando.

  13. Salve,
    Ho una laurea in scienze motorie triennale posso accedere al corso di formazione per il TFA SOSTEGNO 2021?
    Nel caso fosse possibile cosa devo fare?
    Grazie

  14. Io ho la laurea in scienze dell’educazione. Nel frattempo xhe prendo la laurea in scienze della formazione primaria..posso accedere lo stesso al corso di preparazione,grazie a chi può aiutarmi

  15. Salve sono laureata in psicologia e vorrei accedere al tfa per scuola dell’ infanzia e primaria ma è veramente impossibile? Attualmente sto insegnando come sostegno in una scuola dell’ infanzia, supplenza annuale.

  16. Salve. Sono una laureata in giurisprudenza. Per poter partecipare al prossimo TFA, devo integrare gli esami mancanti per la mia classe di concorso e anche i 24 CFU. Iscrivendomi adesso al master ed ai 24 CFU(considerato che il titolo di master concluso lo rilasciano a 6 mesi dall’inizio del master), potrei farcela con i tempi?

  17. Sono già in possesso del tfa di sostegno per la scuola d’infanzia e vorrei partecipare a quello per la secondaria di 2 grado. Devo rifare tutto il corso oppure chiedere l’equipollenza per esami già sostenuti? Grazie, attendo risposta.

    • Essendo una questione specifica, le consigliamo di contattare il MIUR per informazioni di questo tipo.

  18. Buona sera
    sono in possesso di laurea in lettere ( univ. La sapienza) indirizzzo artistico vecchio ordinamento.Posso insegnare storia dell’arte. non sono abilitato. non ho mai insegnato.Posso accedere ai corsi per diventare insegnante di sostegno? Oppure necessita comunque una abilitazione , che io come ho detto non ho?
    Grazie

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.