Concorso EAV – Ente Autonomo Volturno della Regione Campania – 350 posti a disposizione

Scopri come partecipare e in che modo iniziare a studiare

Concorso EAV

Tra i concorsi a cui è possibile ancora inoltrare domanda vi è il Concorso EAV, mediante il quale l’Ente Autonomo Volturno della Regione Campania, effettuerà una maxi-assunzione di ben 320 diplomati e 30 laureati,  per un totale di 350 assunzioni.

Per ricevere notifiche in merito agli sviluppi del concorso 350 profili professionali EAV manifesta il tuo interesse al nostro Bot di Messenger cliccando qui.

Per conoscere gli altri candidati iscriviti al relativo gruppo di studio.

Concorso EAV – La guida

Cosa fa l’Ente Autonomo Volturno della Regione Campania?

Ne 2012 l l’Ente Autonomo Volturno S.r.l. – socio unico Regione Campania – ha incorporato le società Circumvesuviana, MetroCampania NordEst e Sepsa.

In seguito a tale incorporazione, EAV:

  • esercita il servizio ferroviario e funiviario regionale;
  • cura la realizzazione delle opere di manutenzione, ammodernamento e potenziamento della rete ferroviaria regionale;
  • gestisce il patrimonio infrastrutturale

Inoltre fornisce supporto alla Regione Campania nelle attività di pianificazione, progettazione, programmazione e controllo dei progetti ed investimenti regionali nel campo della mobilità e del trasporto.

Infine nel 2015 la Regione Campania ha affiidato all’EAV anche il trasporto pubblico su gomma di interesse regionale, provinciale e comunale, esercito sul territorio delle province di di Napoli, Benevento ed Avellino, in precedenza gestite dalla società EavBus S.r.l.

Quali sono i requisiti per poter partecipare al concorso?

I requisiti  per poter partecipare al concorso nella società EAV variano a seconda del profilo scelto.

Per scoprirli scarica il bando del Concorso EAV.

Per partecipare alle selezioni è necessaria la residenza nella regione Campania?

No, la residenza non è un requisito di partecipazione ai concorsi pubblici.

Come si articolano i posti per diplomati?

Per i 320 diplomati i posti a concorso sono  così ripartiti:

  • 90 Operatori di Esercizio;
  • 45 Operatori Qualificati – Meccanici;
  • 42 Operatori Qualificati – Elettrotecnici / Automazione;
  • 30 Operatori Qualificati – Elettronici;
  • 23 Operatori Qualificati – Manutentori Armamento;
  • 20 Operatori di Manovra (Addetti alla manovra PP.LL. e deviatoi);
  • 45 Operatori di Stazione;
  • 25 Macchinisti / Capitreno.

Come si articolano i posti per Laureati?

Per i 30  laureati  i posti sono così ripartiti:

  • 4 Specialisti Tecnici Amministrativi – Ingegneri Meccanici;
  • 4 Specialisti Tecnici Amministrativi – Ingegneri Elettrici;
  • 4 Specialisti Tecnici Amministrativi – Ingegneri Elettronici / Automazione;
  • 4 Specialisti Tecnici Amministrativi – Ingegneri Civili / Edili;
  • 2 Specialisti Tecnici Amministrativi – Ingegneri Gestionali;
  • 1 Specialista Tecnico Amministrativo – Ingegnere Informatico;
  • 1 Specialista Tecnico Amministrativo – Geologo;
  • 5 Specialisti Tecnici Amministrativi – Giuristi;
  • 5 Specialisti Tecnici Amministrativi – Economi.

Come si svolgerà la prova preselettiva?

La prova preselettiva è prevista per tutti i profili messi a concorso e consiste in quiz a risposta multipla così strutturati:

  • 50% dei quesiti su materie specifiche del profilo bandito;
  • 20% dei quesiti sulla cultura generale;
  • 20% dei quesiti di logica e psicoattitudinali;
  •  10% dei quesiti sulla lingua inglese.

La prova preselettiva, unica a livello nazionale, consisterà nella risoluzione di una batteria di 30 quiz a risposta multipla con 3 alternative di risposta, di cui 1 sola corretta.

Sul sito ufficiale del concorso è stato pubblicato un vademecum per il corretto svolgimento della prova preselettiva del concorso EAV, con le specifiche sui quesiti a risposta multipla, le regole cui attenersi strettamente per evitare l’esclusione dalla prova, la corretta compilazione dei questionari con il foglio di risposte

Quando si svolgerà la prova preselettiva?

Il calendario della prova preselettiva (giorno, luogo e ora) per ogni singolo profilo dovrebbe essere reso noto vero la metà di novembre 2018 

Per la preselettiva sarà pubblicata una banca dati?

No NON sarà pubblicata una banca dati.

Come posso iniziare a studiare per la prove preselettiva?

Per la prova preselettiva, come detto, il 50% dei quesiti formulati riguardano competenze professionali specifiche del profilo cui il candidato concorre, per cui metà del programma di preparazione si basa sulle competenze tecniche specialistiche già acquisite.

Il restante 50% dei quesiti riguarda invece le conoscenze di base di ulteriori materie di cultura generale, logica e lingua inglese.

Per esercitarti su tale ultima categoria scarica/accedi al Simulatore Quiz di Concorsando.it ed utilizza

  • il percorso formativo di cultura generale;
  • il percorso formativo di inglese;
  • e i vari percorsi formativi di logica.

Ci sono decine di migliaia di quiz che aspetto solo te!

Come posso inoltrare la domanda di partecipazione?

Per inoltrare la domanda di partecipazione il candidato dovrai:

  1. accedere alla pagina dedicata al concorso EAV;
  2. selezionare il campo “Candidati” in corrispondenza della specifica posizione di interesse, dopo aver letto
    attentamente l’avviso di selezione;
  3. registrarti al portale Quanta S.p.A., compilando i campi previsti dalla piattaforma, o se già registrato, inserire le
    tue credenziali;
  4. compilare il “form on line” contenente le dichiarazioni sul possesso dei requisiti indicati nel presente avviso;
  5. allegare la documentazione così come richiesta nelle schede di ogni singolo profilo;
  6. inoltrare la candidatura cliccando sul tasto “Invia domanda”.

Ricorda che potrai candidarti per un solo profilo professionale pena l’esclusione dal concorso

E necessario anche un versamento di 20 euro di cui 5 saranno devoluti in beneficenza.

E’ possibile inoltrare la domanda entro e non oltre il 7 ottobre 2018 

Prima di inoltrare la domanda leggi con attenzione:

1 Commento

  1. Scrivo questo mex DISGUSTATO di dover leggere che per fare un concorso si DEVONO pagare 20 euro di cui 5 euro di beneficenza OBBLIGATORIA che finirà al solito nelle mani di qualche furbetto.
    Trovo VERGOGNOSO che possa esistere una legge dello STATO ITALIANO che chieda soldi a persone disoccupate per fare un concorso, non c’è limite al baratro o al senso di pudore di chi possa votare una legge del genere.
    Come consiglio ai miei nipoti…..scappate

    AndreaV

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.