Bandi Polizia di Stato

Concorsi Polizia di Stato 2024: in questa pagina è riportato l’elenco, costantemente aggiornato, dei bandi Polizia di Stato 2024 pubblicati nella Gazzetta Ufficiale e sul portale Istituzionale. Inoltre, puoi leggere qual è il ruolo della Polizia di Stato, quali sono i ruoli e le modalità di ingresso attraverso i concorsi pubblici.

I suddetti concorsi sono banditi periodicamente: per questo motivo, anche se in questa pagina non dovessi trovare concorsi aperti, ti consigliamo di leggere ugualmente la guida relativa al concorso che ti interessa per conoscerne i requisiti di ammissione e modalità di svolgimento della selezione, nonché in che modo puoi iniziare a studiare in attesa del nuovo bando.

Ricevi dal nostro ChatBot aggiornamenti costanti su tale tipologia di concorsi.

Qui l’elenco completo di tutti i bandi per gli Atleti nelle Forze Armate.

Potrebbe interessati anche la pagina Concorsi Difesa e quella dedicata ai concorsi pubblici attivi.

Concorsi Polizia di Stato non scaduti – Tutti i bandi ancora aperti

Di seguito l’elenco, costantemente aggiornato, dei concorsi pubblici nella Polizia di Stato per i quali puoi ancora inoltrare la tua domanda di partecipazione.

Per ognuno dei concorsi elencati di seguito potrai scaricare il bando, visualizzare la pagina ufficiale da cui inoltrare la domanda di partecipazione, accedere ai gruppi di studio, scoprire le risorse didattiche tra cui il simulatore quiz, i manuali e i corsi online.

L’elenco è ordinato dal concorso bandito più di recente al concorso meno recente.

giugno

Nessun concorso

Concorsi Polizia – Come entrare nella Polizia di Stato tramite Concorso Pubblico

La Polizia di Stato svolge un ruolo cruciale nella società italiana, assicurando la sicurezza pubblica e la tutela dell’ordine. Grazie ai concorsi Polizia di Stato, numerosi cittadini hanno l’opportunità di entrare a far parte di questa istituzione rispettata, contribuendo attivamente alla sicurezza della comunità.

Di cosa si occupa la Polizia?

La Polizia di Stato si occupa di prevenire e combattere la criminalità, garantire la sicurezza pubblica, regolare il traffico stradale e fornire assistenza alla popolazione in caso di emergenza. È anche coinvolta nell’applicazione delle leggi e nel sostegno alle indagini giudiziarie, rappresentando un pilastro fondamentale per il mantenimento dell’ordine e della pace sociale.

Come entrare nella Polizia

Per entrare nella Polizia di Stato, è necessario superare un concorso pubblico specifico per uno dei seguenti profili: Allievi Agenti, Vice Ispettori (ruolo normale e tecnici), e Commissari (ruolo normale e tecnici). I requisiti includono limiti di età variabili a seconda del profilo, cittadinanza italiana, idoneità fisica e psichica, e titoli di studio adeguati. I concorsi Polizia di Stato sono la porta d’accesso per chi aspira a diventare parte di questa istituzione.

La struttura della Polizia di Stato

La Polizia di Stato è caratterizzata da una struttura complessa e articolata, progettata per rispondere efficacemente a una vasta gamma di esigenze di sicurezza pubblica. Al suo interno, si distinguono vari profili professionali, ciascuno con responsabilità e compiti specifici, che insieme contribuiscono alla missione complessiva dell’organizzazione. Di seguito, una panoramica dettagliata dei principali profili e delle loro funzioni:

Allievi Agenti

Questi sono gli aspiranti della Polizia di Stato che, una volta superato il concorso per Polizia di Stato, iniziano il loro percorso formativo. Gli Allievi Agenti svolgono compiti di pattugliamento, sicurezza pubblica e assistenza ai cittadini, operando sia in uniforme che in abiti civili. La loro formazione li prepara a fronteggiare situazioni di emergenza, gestire il traffico e contribuire alle operazioni quotidiane di sicurezza.

Per maggiori informazioni, leggi la guida su come diventare Allievo Agente della Polizia di Stato.

Vice Ispettori ruolo normale e tecnici

I Vice Ispettori ricoprono ruoli cruciali nella gestione e nel coordinamento delle attività di polizia. Il ruolo normale prevede funzioni di supervisione, coordinamento di squadre e gestione delle operazioni sul campo, mentre il profilo tecnico si concentra su aspetti più specifici come le investigazioni scientifiche, la gestione delle telecomunicazioni e l’informatica. Entrambi i ruoli richiedono una forte capacità di leadership e competenze specialistiche.

Per maggiori informazioni, leggi la guida su come diventare Vice Ispettore della Polizia di Stato.

Commissari ruolo normale e tecnici

Al vertice della struttura operativa, i Commissari assumono responsabilità di comando e direzione. Nel ruolo normale, dirigono le stazioni di polizia, coordinano le indagini e sono responsabili della pianificazione e dell’implementazione delle strategie di sicurezza. Nel ruolo tecnico, si occupano di aree specializzate come la criminologia, l’analisi forense e lo sviluppo di sistemi di sicurezza avanzati. Questi profili richiedono elevate competenze manageriali, legali e tecnologiche.

Per maggiori informazioni, leggi la guida su come diventare Commissario della Polizia di Stato.

Ogni profilo all’interno della Polizia di Stato rappresenta un tassello fondamentale nella tutela della legalità e nella protezione dei cittadini. Dal primo impatto sul campo degli Allievi Agenti fino alle strategie complesse orchestrate dai Commissari, ogni membro contribuisce con dedizione e professionalità al successo dell’intera organizzazione.

Quanto si guadagna nella Polizia di Stato?

Il guadagno nella Polizia di Stato varia in modo significativo in base al grado, alla mansione e agli anni di servizio, riflettendo l’impegno e l’esperienza accumulati nel corso della carriera. Ecco una panoramica dettagliata degli stipendi per i diversi ruoli all’interno della Polizia di Stato, illustrando come la retribuzione evolve con l’avanzare dell’anzianità:

  • Agente semplice e agente scelto: Lo stipendio base parte da 1.200 € al mese, aumentando a 1.450 € dopo 17 anni di servizio. Con 27 anni di esperienza, lo stipendio raddoppia raggiungendo i 2.900 €, per poi salire a 3.350 € dopo 32 anni di carriera.
  • Ispettore e vice-ispettore: Il percorso retributivo inizia da 1.700 € mensili, con un incremento a 1.850 € dopo 17 anni. Con il passare del tempo, la retribuzione cresce fino a 3.000 € dopo 27 anni e arriva a 3.500 € dopo 32 anni di servizio. Specificamente, il Vice Ispettore ha uno stipendio di partenza di 1.795 €, che cresce attraverso i vari gradi fino a 1.978 € per l’Ispettore Superiore Sostituto Ufficiale e a 2.129 € per l’Ispettore Superiore Sostituto Commissario.
  • Sovrintendente e vice-sovrintendente: Questi profili godono di uno stipendio iniziale di 1.500 €, che si eleva a 1.800 € dopo 17 anni. La retribuzione raggiunge i 3.000 € dopo 27 anni e culmina a 3.450 € dopo 32 anni.
  • Assistente: Lo stipendio base per gli Assistenti inizia da 1.300 €, per poi incrementare a 1.450 € dopo 17 anni. Segue la stessa progressione degli agenti, arrivando a 2.900 € dopo 27 anni e a 3.350 € dopo 32 anni.

Per quanto riguarda i ruoli apicali, il Commissario di Polizia vede uno stipendio di partenza poco più di 2.000 € al mese, con una struttura retributiva che riflette l’aumento di responsabilità:

  • Vice Commissario: Lo stipendio inizia da 1.968 € al mese.
  • Commissario: La retribuzione mensile sale a 2.129 €.
  • Commissario Capo: Lo stipendio raggiunge i 2.165 € al mese.

Concorso Polizia di Stato – Le guide

Di seguito tutte le guide relative ai Concorsi in Polizia.

Concorsi Militari – Gli altri bandi

Potrebbero interessanti anche altri concorsi militari.

Cerca il tuo concorso

Se non hai ancora trovato il concorso che stai cercando utilizza la pagina cerca il tuo concorso.


4 Commenti

  1. Buongiorno volevo un’ informazione, mia figlia ha partecipato al concorso come vice ispettore tecnico in polizia nel ruolo infermieristico, è risultata idonea non vincitore, si trova in graduatoria.
    Mi chiedevo se questa graduatoria sarà di nuovo aperta.
    Grazie

  2. Buona sera scusatemi se mi permetto, sono una mamma, e sono malata di cancro e il mio desiderio è di vedere mio figlio poliziotto ha già fatto due volte la domanda nella polizia e per motivi riguardando alla mia malattia non c’è la fatta io ho detto che non deve pensare a me ma alla sua vita e un desidero mio e suo da piccolo, farei qualsiasi cosa per aiutarlo ma ho le mani legate mi auguro che al prossimo concorso ci metterà tutta la sua volontà.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.