Assunzioni Ministeri previste dal Decreto PA Bis 2023 – L’elenco completo

Scopri subito tutti i dettagli!

Tempo di lettura stimato: 6 minuti

Assunzioni Ministeri previste dal Decreto PA Bis 2023 - L'elenco completo

Il Decreto PA Bis prevede una serie di assunzioni nei Ministeri, mirate a potenziare le risorse umane e a garantire l’efficace realizzazione delle iniziative previste nel PNRR. In questo contesto, le nuove assunzioni rappresentano un passo fondamentale verso il miglioramento dei servizi pubblici e il conseguente progresso socio-economico del Paese.

In questa guida ti spiegheremo tutti i dettagli! Inoltre potresti essere interessato alle altre novità introdotte dal Decreto BIS.

Se le Assunzioni nei Ministeri previste dal Decreto PA Bis 2023 non ti interessano, puoi sempre dare un’occhiata alle altre guide sul funzionamento dei Concorsi pubblici.


Assunzioni nei Ministeri previste dal Decreto PA Bis – Tutti i dettagli

Il Decreto PA Bis, convertito in legge e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 16 agosto 2023, rappresenta una pietra miliare nell’ottica di potenziare la Pubblica Amministrazione e garantire l’attuazione efficace del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). Tra le varie misure introdotte, il decreto prevede significative novità riguardo alle assunzioni nei Ministeri:

Ministero dell’Istruzione – MIM

L’articolo 21 del Decreto PA Bis permette al Ministero dell’Istruzione e del Merito (MIM) di reclutare 40 unità di personale mediante contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato. Queste assunzioni saranno effettuate attraverso procedure concorsuali pubbliche o tramite lo scorrimento di graduatorie di concorsi pubblici. Il decreto autorizza spese annuali per il personale e le posizioni dirigenziali.

MIC – Ministero della Cultura

Il Decreto PA Bis autorizza il Ministero della Cultura ad assumere 100 nuovi dipendenti non dirigenziali a tempo indeterminato tramite concorso pubblico. Queste assunzioni sono destinate all’area delle elevate professionalità, mirando a rafforzare la capacità organizzativa del Ministero e assicurare l’efficacia delle sue azioni. Il decreto stabilisce le modalità di assunzione, rispettando i contratti collettivi nazionali di lavoro e le procedure competitive.

Si prega di notare che questi paragrafi sono basati sul testo fornito e hanno uno scopo puramente informativo. Si consiglia di consultare le fonti ufficiali e/o esperti legali per dettagli accurati e aggiornati.

Ministero della Giustizia

L’articolo 13 del Decreto PA Bis traccia un quadro di significative assunzioni al Ministero della Giustizia. Queste assunzioni avverranno attraverso concorsi pubblici, configurandosi come incarichi a tempo indeterminato, e nel rispetto della dotazione organica vigente.

Le nuove assunzioni al Ministero della Giustizia sono previste come segue:

  1. Una quota non inferiore al 50% sarà coperta attraverso procedure concorsuali pubbliche.
  2. Una quota non superiore al 30% dei posti rimanenti sarà riservata a candidati appartenenti ai ruoli dell’amministrazione giudiziaria con i requisiti richiesti e con almeno cinque anni di servizio nella terza area professionale. Tali assunzioni avverranno tramite procedure comparative.
  3. Una quota non superiore al 15% dei posti rimanenti sarà riservata a personale che abbia ricoperto o ricopra incarichi dirigenziali di livello non generale per almeno un triennio, con valutazione positiva.

Inoltre, il testo del Decreto istituisce un posto di funzionario dirigenziale di livello generale nell’Ufficio di Gabinetto del Ministro della Giustizia. Questa figura avrà la responsabilità di studiare e analizzare politiche pubbliche, revisionare la spesa e supportare l’organo politico nelle funzioni strategiche.

MAECI – Ministero degli Affari Esteri

Il Decreto PA Bis, convertito in legge, comporta un incremento della dotazione organica del personale del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Questo aumento, che prenderà effetto dal 1° gennaio 2024, comporta un totale di 300 unità aggiuntive, rispetto alle 100 iniziali.

La disposizione stabilisce che l’assunzione del nuovo personale avverrà attraverso una specifica procedura concorsuale. Il 50% dei posti disponibili sarà riservato ai cittadini italiani che sono dipendenti a contratto a tempo indeterminato e soddisfano i requisiti per l’accesso all’area degli assistenti, con almeno 3 anni di servizio continuativo e lodevole. Queste assunzioni rappresentano un passo significativo per il rafforzamento delle competenze nel settore degli affari esteri e della cooperazione internazionale.

Ministero dell’Economia e delle Finanze – MEF

Il Decreto PA Bis conferisce all’Ministero dell’Economia e delle Finanze il potere di effettuare 60 assunzioni a tempo indeterminato nel quadro della sua dotazione organica esistente. Queste assunzioni riguardano personale dirigenziale di livello non generale. Il Decreto prevede riserve di posti, non oltre il 50%, destinati al personale in ruolo presso il medesimo Ministero.

Ministero del lavoro

Il Decreto PA Bis, convertito in legge, contempla ulteriori assunzioni nel Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Queste riguardano funzionari con competenze professionali specifiche. Pur mantenendo le riserve previste per il diritto al lavoro dei disabili, il Decreto introduce la possibilità di assegnare un punteggio doppio per il possesso di un titolo di studio richiesto dal bando ottenuto nei 5 anni precedenti. Inoltre, il Decreto valorizza adeguatamente gli specialisti che abbiano prestato servizio presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Nel biennio 2024-2025, il Ministero sarà autorizzato ad assumere 6 dirigenti di 2° fascia con contratto di lavoro a tempo indeterminato.

In altre PA

Oltre alle assunzioni nei Ministeri, il Decreto PA Bis convertito in legge estende la sua portata ad altre PA con disposizioni specifiche:

  • Incrementa l’organico del Garante per la Protezione dei Dati Personali da 200 a 287 unità, al fine di rafforzare la capacità amministrativa e l’efficacia dell’ente.
  • Consente alle Pubbliche Amministrazioni di assumere a tempo indeterminato, entro il 30 giugno 2026, i soggetti già impegnati in lavori socialmente utili o di pubblica utilità.
  • Stabilisce nuove regole per i concorsi nelle scuole, nelle PA per i dirigenti e per i direttori sanitari.
  • Autorizza le Amministrazioni a completare la dotazione organica di determinati Enti, ricorrendo anche allo scorrimento delle graduatorie di altri concorsi pubblici mediante convenzione.

Cerca lavoro

Ti è stato utile l’approfondimento sulle Assunzioni Ministeri previste dal Decreto PA Bis 2023? Potresti trovare interessanti anche gli altri articoli inerenti al mondo del lavoro o dei Concorsi.

Se non hai trovato ciò che stavi cercando, utilizza il campo qui sotto per effettuare un’ulteriore ricerca all’interno del blog.


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.