Concorso Informatici Vigili del Fuoco – Bando in arrivo per diplomati

Scopri come partecipare e in che modo iniziare a studiare

Tra i prossimi concorsi per diplomati, rientra anche l’imminente Concorso Informatici Vigili del Fuoco.

In particolare, il profilo ricercato è quello di’Ispettore informatico: in questa guida analizzeremo i requisiti e le prove previste per l’accesso alla suddetta qualifica.

Per ricevere dal nostro BOT aggiornamenti automatici sul Concorso Ispettori Informatici Vigili del Fuoco clicca qui.

Se ti interessa conoscere gli altri candidati, iscriviti al nostro gruppo di studio.

Ti ricordiamo inoltre che nell’ambito dei concorsi Vigili del Fuoco stanno per essere pubblicati i bandi per il reclutamento:

Concorso Vigili del Fuoco Profili Informatici – Requisiti e prove

Chi è l’ispettore informatico e di cosa si occupa?

Nel Corpo Nazionale Vigili del Fuoco, il personale appartenente al ruolo degli ispettori informatici;

✓ svolge, nell’ambito della specifica professionalità posseduta, funzioni tecnico-informatiche, collaborando con le professionalità superiori, anche mediante l’utilizzo e la gestione di apparecchiature complesse;

✓ nel rispetto dei rapporti di sovraordinazione funzionale e sulla base delle direttive ricevute, collabora alle attività di organizzazione e partecipa a quelle di gestione dell’ufficio cui è assegnato;

✓ collabora e partecipa alla progettazione, alla realizzazione, allo sviluppo e alla verifica del funzionamento dei sistemi informativi e telematici;

✓ partecipa alle attività di valutazione, certificazione, studio, ricerca e analisi;

✓ svolge, anche avvalendosi di collaboratori, attività di installazione, controllo, gestione, esercizio e manutenzione di apparecchiature, impianti tecnici, reti e sistemi hardware, software e di telecomunicazioni;

✓ provvede alla risoluzione di anomalie di funzionamento di varia complessità di prodotti e sistemi, all’esercizio dei sistemi informativi e telematici e, in particolare, fornisce supporto operativo all’installazione ed alla manutenzione dei sistemi centrali e periferici. Dà esecuzione in modo autonomo alle procedure in esercizio, gestisce le anomalie e, nell’ambito delle specifiche competenze possedute, cura l’esecuzione di procedure e di elaborazioni del ciclo informatico e telematico;

✓ partecipa allo sviluppo di software sulla base di specifiche tecniche, ne cura la funzionalità e predispone i relativi manuali;

✓ partecipa, in relazione alla professionalità posseduta, alla redazione di preventivi tecnico-economici e dei relativi capitolati e coopera alle attività di indagine di mercato o di collaudo;

✓ collabora e partecipa, in relazione alla professionalità posseduta e nel rispetto delle disposizioni della direzione centrale per la formazione del Dipartimento, alla gestione e all’attuazione dell’attività di formazione del personale del Corpo nazionale e può partecipare, in qualità di componente, alle commissioni di esame;

✓ partecipa alla redazione degli atti dell’ufficio cui è assegnato e redige gli atti di competenza connessi al servizio espletato.

Quanti saranno i posti messi a concorso?

Al momento sono previste 42 assunzioni per il ruolo di Ispettore Informatico.
In ogni caso è necessario aspettare l’uscita del bando per confermare i posti messi a concorso.

Tuttavia è utile evidenziare che i posti vacanti dovranno essere coperti, così come prevede il nuovo ordinamento del personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, al 50% con un concorso pubblico e il restante 50% tramite un concorso interno.

Da dove si evince che sarà bandito il concorso?

Dal regolamento disciplinante questo concorso, per l’accesso alla qualifica del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco di ispettore informatico.

I regolamenti di questa e delle altre qualifiche sono stati pubblicati ufficialmente sulla Gazzetta Ufficiale, quindi è possibile che i concorsi saranno banditi a breve.

Ci sarà un limite di età per poter partecipare?

No, non ci sarà alcun limite di età.

Quale sarà il titolo di studio richiesto?

Per poter partecipare sarà necessario un diploma di maturità.

Dove potrò inoltrare la domanda di partecipazione?

Una volta pubblicato il bando potrai inoltrare la tua domanda di partecipazione al concorso direttamente sul portale del Corpo Nazionale Vigili del Fuoco.

Come sarà articolato il concorso?

L’iter di questo concorso prevede:
– eventuale prova preselettiva;
– prima prova scritta;
– seconda prova scritta;
– prova orale.

Come sarà articolata la prova preselettiva?

La prova preselettiva sarà svolta solo qualora il numero totale delle domande sia superiore a dieci volte i posti messi a concorso; consisterà in un test con quesiti a risposta multipla su argomenti logico-attitudinali e le altre materie previste per le prove scritte.

Sarà pubblicata una banca dati?

Sicuramente sì dato che nei concorsi vigili del fuoco viene sempre pubblicata.

Dopo la pubblicazione, la banca dati sarà resa immediatamente fruibile sul simulatore quiz di Concorsando.it.

Su quali materie verteranno le prove scritte?

La prima prova scritta consisterà nella stesura di un elaborato, ovvero risposte sintetiche a vari quesiti. Le materie della prima prova saranno:
– architettura e sviluppo di applicativi software;
– architettura e sviluppo di reti di telecomunicazione.

La seconda prova consisterà in un test con domande a risposte multiple e sarà basata su:
– gestione dei moderni sistemi di elaborazione dati;
– paradigmi di sviluppo, verifica e rilascio di software;
– utilizzo dei database management systems;
– elementi su sistemi ed apparati di telecomunicazioni;
– sicurezza informatica.

Per entrambe le prove, il punteggio minimo per ottenere l’idoneità sarà di 21/30.

Come si svolgerà la prova orale?

La prova orale consisterà in un colloquio basato, oltre che sulle materie indicate in precedenza, sui seguenti argomenti:
– elementi di diritto costituzionale e amministrativo;
– informatizzazione della Pubblica Amministrazione, con particolare riferimento al codice dell’amministrazione digitale;
– ordinamento del Ministero dell’Interno, con particolare riferimento al Dipartimento;
– ordinamento del personale del Corpo Nazionale;
– lingua straniera a scelta;
– informatica.

Il punteggio minimo necessario per superare la prova orale è di 21/30.

E una volta superato il concorso?

I vincitori del concorso sono nominati ispettori informatici in prova. Il  periodo di prova ha la durata di sei mesi, di cui tre mesi di corso di formazione residenziale presso l’Istituto superiore antincendi o le altre strutture centrali e periferiche del Corpo nazionale, e tre mesi di tirocinio presso le strutture del Corpo nazionale.

Al termine dei tre mesi del corso di formazione, gli ispettori informatici in prova che abbiano superato gli esami scritti e orali ricevono il giudizio di idoneità allo svolgimento del tirocinio formulato dal capo del Corpo nazionale, su proposta del direttore centrale per la formazione del Dipartimento.

Gli esiti degli esami determinano l’ordine della graduatoria finale, fatti salvi gli ulteriori criteri previsti dalla normativa vigente. Gli ispettori informatici in prova riconosciuti idonei sono avviati all’espletamento del tirocinio.

Le nuove regole di svolgimento dei concorsi contenute nel Decreto Bilancio potrebbero applicarsi anche a questo concorso?

Certo le nuove regole disciplinanti i concorsi pubblici potrebbero essere applicate (è una facoltà non un obbligo) anche ai concorsi banditi dal Corpo Nazionale Vigili del Fuoco, come previsto dal”art. 259 del Decreto Rilancio.

Un possibile scenario dunque, qualora il Dipartimento VV.F. decidesse di applicare suddette regole, potrebbe essere il seguente:
– per fare la domanda si avrà a disposizione solo 15 giorni dalla pubblicazione del bando, e sarà necessario possedere PEC e SPID;
– potrebbero diminuire fortemente il numero di persone che dalla preselettiva possono poi accedere alla prova d’esame successiva (nel regolamento è previsto 10 volte i posti messi a concorso)/
– la prova preselettiva verrà effettuata in maniera decentrata, su più sedi individuate su tutto il territorio nazionale. Sarà computer based quindi senza l’ausilio di carta e penna;
– le due prove scritte potrebbero NON essere svolte, e dunque dalla preselettiva si passerebbe direttamente all’orale;
– l’orale si effettuerà in videoconferenza.

Ripetiamo che l’applicazione delle nuove regole contenute nel Decreto Bilancio per i concorsi banditi dal Dipartimento VV.F. sono facoltative e non obbligatorie, quindi la loro applicazione, fino a quando non sarà pubblicato il bando di concorso, non è certa.

Come posso ricevere una notifica quando sarà pubblicato il bando?

Per ricevere dal nostro BOT aggiornamenti automatici sul Concorso Ispettori Informatici Vigili del Fuoco clicca qui.

Come posso conoscere gli altri candidati?

Se ti interessa conoscere gli altri candidati, iscriviti al nostro gruppo di studio.

Concorso Ispettori Informatici Vigili del Fuoco – Come iniziare a studiare

Simulatore Quiz

Se hai intenzione di partecipare al Concorso Vigili del Fuoco Profili Tecnici, ti conviene esercitarti fin da subito con il nostro simulatore quiz.

Per farlo, puoi utilizzare i percorsi formativi relativi alle materie indicate in precedenza per le singole prove.

In particolar modo ti consigliamo di utilizzare il percorso formativo Informatica Avanzata

Inoltre, se dovesse essere pubblicata una banca dati per la prova preselettiva, sarà subito aggiunta al simulatore!

Corso Online 9000ABCD

Se dovesse essere pubblicata una banca dati, avrai pochi giorni per memorizzarla tutta.

Dato che sarà necessario un enorme “sforzo mentale” per assimilare tutto, se non utilizzi il giusto metodo di apprendimento rischi di mandare in fumo l’impegno messo.

È per questa ragione che ti consigliamo vivamente di iscriviti a 9000ABCD, l’unico video corso in Italia che insegna come memorizzare le banche dati dei concorsi pubblici.

Si tratta di un metodo innovativo nato da poco, ma già utilizzato con successo da migliaia di persone!

Se ti iscrivi fin da subito a 9000ABCD potrai sfruttare il tempo che hai disposizione, prima che sarà pubblicata la banca dati, per acquisire un metodo di studio innovativo.

9000abcd

4 Commenti

    • Qualsiasi diploma secondo le informazioni attuali, il bando chiarirà meglio eventuali altri requisiti.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.