Come cambieranno le prove dei concorsi a causa del coronavirus – Le modifiche contenute nel DL Rilancio

Scopri le nuove modalità di svolgimento dei concorsi

Data l’emergenza Coronavirus anche le modalità di svolgimento dei concorsi pubblici dovranno essere riadattate al fine di garantire la massima sicurezza ai candidati.

Le anticipazioni al riguardo fornite dal Ministro della Pubblica amministrazione Fabiana Dadone hanno trovato puntuale conferma nel Decreto Rilancio, il cui CAPO XII contiene, tra le altre, una serie di misure atte a garantire l’accelerazione dei concorsi pubblici nel rispetto delle misure di contrasto al fenomeno epidemiologico da Covid19.

In particolare le disposizioni contenute in tale capo sono volte a consentire la ripresa delle attività concorsuali per l’accesso al pubblico impiego attraverso modalità compatibili con il quadro emergenziale derivante dall’epidemia da Covid-19 e tenendo conto della necessità di rispettare le misure di distanziamento sociale che accompagneranno tutte le attività del Paese per un lungo periodo.

Per ricevere una notifica qualora ci dovessero essere modifiche in relazione alla sospensione dei Concorsi Pubblici clicca qui.

Per scoprire come studiare leggi Come studiare ai tempi del coronavirus

Inoltre, per scoprire quali sono i cambiamenti previsti nelle ‘Iniziative per il rilancio Italia 2020-2022’, leggi Concorsi Pubblici nel Piano Colao.

Le nuove modalità di svolgimento dei concorsi pubblici

Con che modalità si svolgeranno le prove in base alle nuove regole contenute nel decreto rilancio?

Le direttrici sulle quale la ripresa dell’attività si muove sono sostanzialmente due:
– la possibilità dello svolgimento delle prove in modalità decentrata;
– l’utilizzo di tecnologia digitale per tutte le fasi del concorso, dalle modalità di presentazione delle domande di partecipazione (SPID e PEC), alle comunicazioni per il candidato, fino alla svolgimento delle prove, anche orali (in videoconferenza) e per i lavori delle commissioni esaminatrici.

La Ministra Dadone ha dichiarato che l’obiettivo è “velocizzare, semplificando e senza banalizzare» i concorsi pubblici, portando la durata media da 18 a 8 mesi

Le disposizioni contenute nel Capo XII del Decreto Rilancio si applicano a tutte le amministrazioni?

Quelle introdotte dagli articoli 247 e 248 sono misure di carattere sperimentale e relativa alle procedure concorsuali bandite e da bandire fino al 31 dicembre 2020.

Sono specificatamente rivolte alle procedure concorsuali gestite dalla Commissione RIPAM, ma ne è comunque prevista l’applicabilità anche da parte delle pubblica amministrazioni che non hanno utilizzato lo strumento del c.d. “concorso unico” (art. 249).

Sono inoltre presenti alcune misure che consentono lo svolgimento e la conclusione, nelle predette modalità, di procedura concorsuali particolamente urgenti per le amministrazioni centrali, tra cui Difesa, Interno, Giustizia e Corte dei Conti.

A ciò si aggiunga che l’art. 259 prevede la possibilità di applicare le nuove misure ai concorsi, in atto o futuri, banditi dalle Forze Armate, Forze di Polizia e Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, anche in deroga alle disposizioni di settore dei rispettivi ordinamenti.

Quindi i concorsi nazionali non si svolgeranno più solo a Roma?

A quanto pare no. I concorsi banditi dalle amministrazioni centrali, in particolare quelli gestiti dalla Commissione RIPAM, saranno delocalizzati, nel senso che le relative prove saranno svolte contestualmente in più sedi individuate anche in base alla provenienza geografica dei candidati.

Quale organo individuerà questi sedi?

Il Dipartimento della funzione pubblica della Presidenza del Consiglio dei Ministri avvalendosi del coordinamento dei prefetti territorialmente competenti.

Tali sedi saranno strutture pubbliche?

Si nella maggior parte dei casi saranno idonei locali di plessi scolastici di ogni ordine e grado, di sedi universitarie e di ogni altra struttura pubblica.

Tuttavia qualora nel territorio non ci dovessero essere strutture pubbliche idonee e comunque previsto l’utilizzo di strutture private.

Il decentramento delle prove dei concorsi pubblici non comporterà un rischio maggiore per la trasparenza?

No, come dichiarato dal Ministro Fabiana Dadone, la soluzione finale lascerà intatta anche la qualità della prova e del concorso stesso: “Ovviamente non ci si deve dimenticare della qualità della selezione, cioè velocizzare non significa perdere in qualità”.

Gli oneri di utilizzo di tali strutture a carico di chi sono?

A carica dell’ente che ha bandito il concorso o che comunque lo gestisce.

Le prove scritte, comprese quelle a quiz, si svolgeranno sempre in formato cartaceo?

No, una delle grandi modifiche previste per le prove dei concorsi è l’utilizzo massiccio degli strumenti digitali.

Quindi è plausibile pensare che le prove scritte saranno computer based, ossia svolte mediante l’ausilio di un PC (o di un Tablet) già presente in sede.

Come saranno svolte le prove orali?

Le prove orali saranno svolte in videoconferenza, attraverso l’utilizzo di strumenti informatici e digitali, garantendo comunque l’adozione di soluzioni tecniche che assicurino la pubblicità della stessa, l’identificazione dei partecipanti, nonché la sicurezza delle comunicazioni e la loro tranciabilità.

Le nuove modalità di svolgimento delle prove concorsuali si applicheranno anche ai concorsi in atto?

Ai concorsi pubblici già banditi per cui le prove preselettive sono state già espletate, la Commissione per l’attuazione del Progetto di Riqualificazione delle Pubbliche Amministrazioni (RIPAM) può modificare, su richiesta delle amministrazioni destinatarie delle procedure concorsuali, le modalità di svolgimento delle prove previste dai relativi bandi di concorso (art. 248 D.L. Rilancio).

Il termine di presentazione delle domande è stato ridotto?

Si per i prossimi concorsi, la domanda di partecipazione potrò essere presentata entro quindici giorni (e non più 30) dalla pubblicazione del bando nella Gazzetta Ufficiale.

La domanda potrà essere presentata esclusivamente in via telematica, mediante la piattaforma digitale messa a disposizione dalla amministrazione banditrice.

Ogni comunicazione concernente il concorso, compreso il calendario delle relative prove e del loro esito, sarà effettuata attraverso la predetta piattaforma.

Data e luogo di svolgimento delle prove saranno resi disponibili sulla piattaforma digitale con accesso da remoto attraverso l’identificazione del candidato, almeno dieci giorni prima della data stabilita per lo svolgimento delle stesse.

Per inoltrare la domanda sarà necessario possedere la PEC e lo SPID?

Sì, per la partecipazione al concorso il candidato dovrà essere obbligatoriamente in possesso di un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) a lui intestato e registrarsi nella piattaforma attraverso il Sistema pubblico di identità digitale (SPID).

In particolare, l’inoltro delle domande di partecipazione a tutti i concorsi gestiti dalla Commissione RIPAM non sarà possibile in mancanza di SPID.

Nei nuovi concorsi saranno richieste altre competenze ai candidati?

Sì, il Ministro ha sottolineato l’importanza di verificare le competenze trasversali dei candidati, ossia la capacità di saper lavorare in team, il problem solving, la gestione dello stress e la team leadership.

Si tratta delle cosiddette «soft skill», capacità «trasversali» alle diverse discipline, che non si acquisiscono semplicemente sui «libri di testo, ma con le esperienze di vita»: «vorrei che nei futuri bandi, a parità di condizione tra due candidati, nel corso della prova orale, si valuti anche la capacità di lavorare in gruppo, di adattarsi, di gestire lo stress» e se il candidato «è una persona che ha il senso dello Stato, se tiene al bene comune» spiega la ministra in un post su Facebook per chiarire le norme in arrivo sui concorsi.

Tali competente sanno vagliate mediante la somministrazione di quiz situazionali.

Cosa sono i Test Situazionali e le Soft Skills?

Se non sai cosa sono le Soft Skills e come sono strutturati i Test Situazionali, leggi subito la nostra guida!

Quanto dureranno le nuove modalità di svolgimento delle prove dei concorsi?

Le misure sono introdotte in via sperimentale fino al 31 dicembre 2020.

Quali sono i primi concorsi organizzati secondo questa nuova impostazione?

Il primo concorso nel cui bando sono contenute le nuove modalità di svolgimento delle prove è Concorso RIPAM AICS.

C’è inoltre il Concorso Funzionari Amministrativi Ripam.

A breve si aggiungeranno i nuovi concorsi Ministero della Giustizia tra cui il concorso cancellieri esperto e il Concorso Comune di Roma 2020.

73 Commenti

  1. Salve, il vostro simulatore quiz permette anche di esercitarsi per i quesiti attitudinali( logico-matematico + critico-verbale + situazionali)?

    Grazie

  2. i concorsi che erano in via di svolgimento e si sono interrotti per il lockdown (come quello per coadiutore parlamentare) proseguiranno dal momento dell’interruzione o si rifaranno da capo? ci sarebbe molto squilibrio sui tempi di preparazione di chi ha svolto la prova prima del lockdown e chi la svolgerà solo dopo 3 mesi.

    • I singoli enti che hanno organizzato i concorsi si occuperanno di informare i candidati sulle modalità di ripresa

  3. sa dirmi quando si possono fare le domande recandosi al centro impiego di appartenenza per il concorso Ministero Beni Culturali? Sa dirmi quando iniziano le selezioni per il concorso centro per l’impiego? Grazie

    • I singoli enti che hanno organizzato i concorsi si occuperanno di informare i candidati sulle modalità di ripresa

  4. Io sono residente nelle Marche, ma vivo in Lombardia. Dove potrò sostenere le prove? E devo dotarmi di un inidirizzo PEC nonostante mi sia iscritto ad alcuni concorsi pubblici prima della pubblicazione del dl? Riguardo al concorso scuola, cambia qualcosa per quello che riguarda le tempistiche di iscrizione?

    • Non ci sono ancora informazioni ufficiali al riguardo.
      I tempi del concorso scuola non dovrebbero cambiare, in ogni caso invieremo tutti gli aggiornamenti tramite BOT e notifica app.

  5. Buongiorno, ci sono novità relative al concorso MIBACT?
    Quando verrà pubblicato l’Avviso Pubblico di Selezione dal Centro per l’impiego?
    Grazie.

  6. Ma i concorsi già banditi ma non ancora iniziati riapriranno le iscrizioni? Essendo che i periodi delle prove sono variati

  7. Per chi deve fare la preselezione del V ciclo TFA sostegno ed è già iscritto come ITP. È discriminante il voto del diploma?

  8. È prevista la certificazione d’inglese per l’ammissione ai concorsi PA? Se affermativo, a quale livello? B1, B2, C1?

  9. Ma per i concorsi come quello all Asl Roma 4, in attesa di fissazione data prove, come si svolgeranno le prove? Sempre col PC o è a discrezione dell’ amministrazione?

    • Non ci sono ancora informazioni ufficiali al riguardo, le consigliamo di chiedere direttamente all’ente che gestisce il concorso.

  10. Buongiorno, la delocalizzazione delle prove e quindi questa nuova modalità di svolgimento vale anche per i concorsi già banditi come per esempio il bando di 1500 funzionari INAIL?
    Vi ringrazio in anticipo

    • Non ci sono ancora informazioni ufficiali al riguardo, ma è probabile che la delocalizzazione delle prove venga applicata a tutti i concorsi che dovranno svolgersi

  11. Salve,per cortesia potete dare informazione riguardo concorso ordinario scuola,sono cittadina russa,ho diploma che fatto in Italia e 24 crediti,posso participare al concorso o no? Grazie

  12. Anche la procedura del corso concorso della Regione Campania riprenderà quindi a partire dal 16/05?

  13. Per quanto riguarda le prove fisiche? Per esempio per gli agenti allievi della polizia di stato, si faranno ?

  14. Francamente non ritengo probabile la soglia del voto: piaccia o no, ci sarebbe una rivolta e i requisiti specifici temo enfatizzerebbero la moda invalsa in molti enti a redigere dei bandi “sartoriali” per qualche candidato

    • I requisiti specifici non sono confermati e non è ufficiale il loro utilizzo per i prossimi concorsi.

  15. Volevo sapere se era già possibile iscriversi al super concorsone al comune di roma che doveva uscire in primavera dato che non ho capito se la possibilità di presentare domanda non è ancora stata data o se è già possibile farla..

  16. Ma i nuovi requisiti che forse verranno richiesti, riguardano solo l’iscrizione di nuovi concorsi che non sono ancora scaduti? Non è che valgono anche per i concorsi scaduti che però vista l’emergenza non sono ancora stati fatti o fatti solo per alcuni come quello dei coadiutori parlamentari

  17. Io ho mandato la domanda per il concorso della polizia di stato spostata in data 05.06.20.
    Come faccio a verificarne la corretta accettazione?

  18. Io non ho capito ancora se i concorsi a maggio si faranno o no la Dadone un giorno dice si un altro dice no
    Voi per caso avete notizie tipo per quelli che dovranno essere sostenuti a fine maggio ????

  19. Per i concorsi nei carabinieri e polizia già banditi, ovvero per i quali si sobo già suoerate le prove previste prima dello scritto, chiedo se la prova scritta xi sarà oppure si va direttamente alla prova orale.

  20. E per i concorsi già banditi per cui sono previste prove fisiche ( tipo quelli per polizia municipale) che tipo di orientamento e’ stato pensato?

  21. I concorsi degli Enti Locali, tipo Comuni ecc, con numero di partecipanti non esagerati (100 200 300 400) sono soggetti a delocalizzazione e prove a PC visto che comunque gli iscritti provengono da tutta Italia? Comuni con risorse limitate come potrebbero mai farlo?

  22. Queste modifiche come ad es. il voto minimo del diploma, rientreranno anche per i concorsi nelle Forze di polizia?

  23. Nei concorsi oss bastava la terza media ora anche nei concorsi vogliono mettere la soglia del voto di diploma?

      • Per chi come me risiede in una regione ma vuole presentare la domanda per il concorso ordinario primaria in un’altra regione, il concorso dove si svolgerà? Nella regione di residenza? O, come prima del covid, nella regione dove si vuole prendere servizio?

  24. Bene, trovo il Vostro aggiornamento molto utile.
    resto in attesa delle ulteriori novità al riguardo e Vi invio cordiali saluti
    Maria Cristina Villa

  25. Io sono residente in Calabria, vivo a Roma per lavoro , ho superato le prove preselettive dei concorsi della Regione Lazio, dovrò fare le prove scritte in Calabria? Mi sembra assurdo.

    • non c’è scritto così, c’è scritto “la sede più vicina” quindi se lei è ancora a Roma, andrà a Roma nella sede pubblica più vicina a lei.

    • Probabilmente farà fede il domicilio eletto in sede della compilazione della domanda se diverso dalla residenza. Se ha eletto Roma farà le prove a Roma.

  26. Se l’obiettivo è quello di snellire le procedure e sostituire quelli che vanno in pensione, che senso ha introdurre requisiti di età o voto di laurea, considerato che questi requisiti tutti i tribunali li giudicano illegittimi?
    Spero che non sia vero, anche perché con i ricorsi i ricorsisti verrebbero ammessi, quindi non hanno completamente senso.

      • Sono Daccordissimo con Callisto, in quanto tutte le scuole e le Università applicano voti in maniera soggettiva e non oggettiva. Una votazione che in una scuola è 90 in un altra può valere 100 e viceversa… Stessa cosa per le università… Quindi metterei questo requisiti fuori dai concorsi

  27. Ma secondo voi i concorsi che erano già in corso quando riprenderanno? Già dopo il 16 maggio prevedendo le distanze sociali mascherine e gel?

    • Sì, al momento la ripresa dei concorsi è prevista per il 16 Maggio con diverse misure di distanziamento e sicurezza.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.